Realizzazione Regionale 8, istituzioni fanno quadrato

 

La Provincia di Taranto e i consiglieri regionali ionici uniti per la realizzazione della strada litoranea interna Taranto-Avetrana attesa da oltre 30 anni
pubblicato il 23 Marzo 2021, 17:39
55 secs

All’esito della riunione tenutasi ieri pomeriggio tra il presidente della Provincia di Taranto Giovanni Gugliotti, l’assessore regionale Donato Pentassuglia e i consiglieri regionali ionici Giacomo Conserva, Vincenzo Di Gregorio, Gianfranco Lopane, Michele Mazzarano, Renato Perrini e Massimiliano Stellato, convocata dalla Provincia per analizzare lo stato dell’arte della realizzazione della strada litoranea interna Taranto-Avetrana – cosiddetta Regionale 8 -, si manifesta la ferma volontà di tutti i rappresentanti istituzionali di Terra Ionica, senza alcuna distinzione di campanile e di colore politico, nel far diventare realtà questa opera strategica per lo sviluppo della provincia di Taranto, attesa da oltre trent’anni, per la quale è necessario impegnare la Regione Puglia nel garantire la copertura finanziaria per la realizzazione dell’intera tratta.

I rappresentanti istituzionali di Terra Ionica si riservano ulteriori iniziative a margine dell’audizione in V Commissione consiliare della Regione Puglia, in programma giovedì 25 marzo alle ore 12:00, con la partecipazione anche degli assessori regionali ai trasporti, all’ambiente e al bilancio, oltre che del partenariato economico sociale.

(nella foto Giovanni Gugliotti – Presidente della Provincia di Taranto, Donato Pentassuglia – Assessore regionale all’agricoltura, Giacomo Conserva – Consigliere regionale, Vincenzo Di Gregorio – Consigliere regionale, Gianfranco Lopane – Consigliere regionale, Michele Mazzarano – Consigliere regionale, Renato Perrini – Consigliere regionale, Massimiliano Stellato – Consigliere regionale)

(leggi tutti gli articoli sulla Regionale 8 https://www.corriereditaranto.it/?s=regionale+8&submit=Go)

Condividi:
Share
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)