Mittal, Invitalia investirà. Giorgetti chiama i sindacati

 

Lettera dell'ad Arcuri che conferma l'impegno della società nella ricapitalizzazione di AMInvestCO Italy. Venerdì nuovo incontro al MiSE
pubblicato il 23 Marzo 2021, 18:17
2 mins

Arrivano chiarimenti da Invitalia, la società controllata dal ministero dello Sviluppo economico, che si è detta pronta ad investire nell’ex Ilva: lo ha confermato l’ad Arcuri in una lettera (che pubblichiamo in fondo all’articolo di cui ha dato notizia per primo il quotidiano ‘il Messaggero‘) inviata ad ArcelorMittal Italia dopo che la multinazionale la scorsa settimana aveva evidenziato un presunto inadempimento della stessa, rispetto all’accordo di investimento dello scorso 10 dicembre in merito al futuro dello stabilimento siderurgico di Taranto.

Il veicolo partecipato dal MEF – viene sottolineato – è infatto in attesa che il Ministero autorizzi il contributo di 400 milioni di euro per sottoscrivere l’aumento di capitale di AmInvestco, la new.co attraverso la quale ArcelorMittal Italy Holding gestisce l’attività produttiva dello stabilimento di Taranto, su cui pende il giudizio del Consiglio di Stato che arriverà nell’udienza di merito del prossimo 13 maggio.

“Invitalia conferma che il Governo si sta attivamente adoperando, per far sì che, nel più breve tempo possibile, e già prima della decisione che definirà tale giudizio, possano essere autorizzate la sottoscrizione e la integrale liberazione del primo aumento di capitale”.

Al momento la società è ancora in attesa “delle determinazioni dei ministeri compententi” scrive Arcuri che ricorda come l’aumento di capitale, “per vincoli amministrativi e negoziali è destinato allo specifico scopo di svolgere l’attività produttiva assieme ad ArcelorMittal Italy anche nel centrale e strategico stabilimento siderurgico di Taranto”.

Infine è arrivata l’attesa comunicazione della convocazione al MiSE dei sindacati per discutere della questione ex Ilva. L’invito è stato recapitato oggi alla varie sigle dei rappresentanti dei lavoratori. Il vertice è fissato per venerdì 26 marzo alle 10, l’incontro a cui parteciperà anche il Capo di gabinetto Paolo Visca, sarà presieduto dal ministro Giancarlo Giorgetti. Nel rispetto delle normative anticovid è specificato che potrà essere presente un solo rappresentante per delegazione.

228 - Accordo di co-investimento_23143344
Condividi:
Share
Gianmario Leone, nato a Taranto il 2/1/1981, laureato in Filosofia, docente di Storia e Filosofia, per 8 anni opinionista del quotidiano "TarantoOggi" nel settore, ambiente, politica, economia, cultura e sport, collaboratore e referente per la Puglia dal 2012 de "Il Manifesto" e del sito "Siderweb", collaboratore dal 2011 al 2015 del sito di informazione ambientale www.inchiostroverde.it. Ha collaborato nel corso degli anni anche con altre testate on line o periodici cartacei come 'Nota Bene' e 'LiberaMente' ed è un'opinionista di "Radio Onda Rossa" e "Radio Onda d'urto". Collabora con Radio Popolare Salento. Dal 2008 al 2012 ha lavorato per l'agenzia di stampa "Italiamedia". Ha contribuito alla realizzazione del lungometraggio 'Buongiorno Taranto' e al docufilm 'The italian dust'. Nel dicembre 2011 ha ottenuto il “Riconoscimento S.o.s. Taranto Chiama”, "per il suo impegno giornaliero d’indagine e approfondimento sui temi ambientali che riguardano la città". Nel febbraio del 2014 invece ha ottenuto il premio dei lettori nel "Premio Michele Frascaro, dedicato al giornalismo d’inchiesta", indetto dalle Manifatture Knos e patrocinato dall’Ordine Nazionale e Regionale dei Giornalisti , attribuito in base al voto on line, per la sua inchiesta sul progetto “Tempa Rossa” (Eni), che racchiudeva gli articoli scritti tra il 2011 e il 2012.

Commenta

  • (non verrà pubblicata)