Natuzzi, i sindacati indicono lo stato di agitazione

 

Sindacati ed Rsu: "L'azienda non rispetta gli accordi, al via lo stato di agitazione. In programma assemblee in tutti gli stabilimenti"                          
pubblicato il 17 Marzo 2021, 17:43
31 secs

“A due anni dall’accordo del 28 giugno 2018 dove Istituzioni, sindacati e azienda sottoscrissero, dopo un lungo periodo di crisi economica ed occupazionale, un protocollo definito da tutti storico in quanto contenente da una parte, una politica di rilancio e diversificazione dell’azienda e, dall’altra l’integrale salvaguardia dell’occupazione ovvero ESUBERI ZERO, la Natuzzi con una svolta improvvisa e repentina ha dichiarato di non poter rispettare gli impegni sottoscritti e di voler modificare il piano industriale”. E’ quanto scrivono le categorie Cgil Cisl Uil delle costruzioni e del commercio – Fillea Filca Feneal e Filcams Fisascat UilTucs – ai lavoratori del gruppo Natuzzi, annunciando che “le segreterie nazionali, congiuntamente alle segreterie regionali/territoriali di concerto con le Rsu, dichiarano l’apertura dello stato di agitazione e il blocco degli straordinari in tutti gli stabilimenti del gruppo e diffidano l’azienda dal porre in essere qualsiasi atto unilaterale fino all’avvenuta convocazione al Mise, unica sede di discussione stante gli accordi sottoscritti nel 2018″.

In programma anche assemblee in presenza, nel rispetto delle norme anti Covid.

(leggi l’articolo https://www.corriereditaranto.it/2021/03/13/natuzzi-nuova-crisi-dietro-langolo/)

Condividi:
Share
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)