Tissone e Santarpia: ok il ruolo è giusto!

 

Le pagelle di Portici-Taranto
pubblicato il 15 Marzo 2021, 09:43
4 mins

Il Taranto allunga il passo nelle inediti vesti di capolista (+2 sul Casarano, prossimo avversario allo Iacovone) mettendo a sedere il Portici (4 gol rifilati alla difesa più battuta del campionato con 44 reti totali) dopo essere passato in svantaggio. Una vittoria che consegna due giocatori (Tissone e Santarpia) che appaiono trasformati da un modulo e quindi da una posizione in campo (il primo in mediana, il secondo nelle vesti di“sottopunta“) più congeniale alle proprie caratteristiche (4-2-4 o 4-4-2 che sia) rispetto al 4-2-3-1 di base..

Ecco le pagelle del match con l‘Andria :

CIEZKOWSKI 5,5: questa volta l’errore è più grave (uscita errata) di quelli commessi contro Lavello e Andria. Ma alla fine il gol subìto rimane ininfluente sul risultato rispetto alle precedenti occasioni.

SHEHU 6: finalmente a suo agio. Spigliato.

RIZZO 6: è nei paraggi del difensore del Portici che incorna indisturbato, poi da lui non si passa più.

SILVESTRI 6: sembra proprio il vice di Guastamacchia. Stessa personalità.

FERRARA 6: gara diligente. Non c’è bisogno che accompagni le sortite offensive sulla sinistra. (dal 87’MARRAZZO S.V.:).

TISSONE 7: voto forse un pò avaro nei suoi confronti per l’ottima prestazione fornita, nel ruolo a lui più congeniale dove la tecnica di base può deliziare il palato dei tifosi, ma proporzionato al valore dell’avversario. Gol stupendo.

MARSILI 6,5: oggi è lui a correre di più per gli altri (quando ha accanto Matute o Diaby gli basta orchestrare la mediana) e lo fa bene. Poi dal suo piede partono sempre intuizioni pericolose.

GUAITA 6,5: scorazza sulla sua fascia come un cavallo di razza. Dribbling, assist ed addirittura, lui che è brevilineo, colpisce una traversa di testa come un attaccante di ruolo(dal 59’ N.RIZZO 6+:ha provato un gol alla Maradona cercando di beffare il portiere del Portici da distanza siderale. Paragone irriverente ma che rende l’idea di quello che il suo piede mancino potrà fare mettendosi al servizio di una squadra che ha bisogno di cifra tecnica ).

SANTARPIA 6,5: è il vero attaccante del Taranto (5 gol realizzati sinora, di cui 3 consecutivi). La posizione più vicina all’area di rigore ce lo segnala ancora una volta come giocatore rapace, rapido nell’esecuzione e veloce nelle intuizioni ( dal 59’ MASTROMONACO 6: vivace).

FALCONE 6,5: un gol e mezzo (il secondo e metà del terzo) e tanta qualità da mettere a disposizione della squadra. (dal 66’CORVINO S.V.:buon minutaggio per acquisire condizione fisica).

DIAZ 6: solito lavoro di quantità. Segna un gol da opportunista (dal 70’ VERSIENTI S.V. : entra in un momento in cui la partita è abbondantemente segnata per gli avversari ma dal punto vista fisico c’è).

LATERZA 6,5: la squadra gioca bene, vince e segna (7 reti in due trasferte) con un modulo che regala più presenza nei pressi dell’area di rigore avversaria. Arretra Tissone in mediana ed è chiaro che quella sia la sua naturale in campo dove è più nel vivo del gioco.  Ora con il recupero di infortunati e squalificati più l’innesto di Nicolas Rizzo, avrà l’imbarazzo della scelta.

 

Condividi:
Share

Commenta

  • (non verrà pubblicata)