Leonardo Grottaglie, sindacati chiedono trasparenza

 

Dopo l'odierno incontro tra la società Leonardo ed le organizzazioni sindacali sulla Divisione Aerostrutture
pubblicato il 10 Marzo 2021, 18:53
3 mins

Nuovo incontro in modalità da remoto, questa mattina, tra la società Leonardo ed le organizzazioni sindacali sulla Divisione Aerostrutture.

“L’azienda, a valle del c.d.a. di ieri, ha annunciato 1000 esuberi strutturali per la Divisione Aerostrutture, di cui 500 da gestire con prepensionamento per i lavoratori che matureranno i requisiti per accedere all’art.4 “legge Fornero” negli anni 2021-2022-2023. Gli altri 500 saranno ricollocazioni presso stabilimenti di altre Divisioni. Come Fiom abbiamo espresso le nostre perplessità ed il nostro disappunto, oltre a chiedere ulteriori dettagli” si legge in una nota della Rsu Fiom Cgil Leonardo Grottaglie.

“Sui nuovi programmi/investimenti l’azienda non ha fornito elementi di novità rispetto agli ultimi incontri di Divisione e di sito, se non procrastinare le presunte date di avvio dei programmi annunciati” commentano dalla Fiom.

Per avere chiara la situazione e le prospettive e per conoscere meglio il nostro punto di vista, venerdì alle 17 ci sarà una diretta sulla pagina Facebook della Fiom Cgil Leonardo Grottaglie (Evento Facebook: https://fb.me/e/I32Bv6f4), con Gianpaolo Cassese deputato M5S, Ubaldo Pagano deputato PD, Roberto Clemente RSU/segretario provinciale Fiom Cgil Taranto, Maurizio Rosini Operations Manager divisione aerostrutture Leonardo Finmeccanica, Alessandro Delli Noci assessore della Regione Puglia allo Sviluppo Economico, Claudio Gonzato coordinatore settore difesa-aerospazio Fiom Cgil nazionale. Modera il dibattito il segretario generale della Fiom Cgil di Taranto Giuseppe Romano. Alla diretta parteciperà l’azienda, alcuni onorevoli del territorio oltre che la Fiom territoriale e nazionale.

“Nella giornata di oggi si è svolta in videoconferenza la riunione di coordinamento della Divisione Aerostrutture della Leonardo SPA. Per quanto riguarda le novità sugli investimenti industriali, invece, l’incontro è da ritenersi del tutto insoddisfacente – affermano dalla Rsu Uilm Leonardo Grottaglie -. Come se non bastasse, davanti alla nostra richiesta di informazioni più approfondite, chiare e trasparenti riguardo al rispetto dell’accordo che vede nel 2021 la fase di sviluppo del Drone EuroMale su Grottaglie e chiarimenti sullo stato di avanzamento del Progetto Astro l’azienda non ha fornito nessuna risposta, rimandando la discussione a non meglio precisati incontri futuri a livello locale”.

La Uilm di Taranto, unitamente alla Rsu, “ritiene non più rinviabile una discussione seria, leale e trasparente per capire se esiste una reale volontà di rilancio della Divisione Aerostrutture e dello stabilimento di Grottaglie. A tal proposito, coinvolgeremo quanto prima i lavoratori e riprenderemo a sollecitare le Istituzioni, chiamando in causa lo stesso ministero dell’Economia e delle Finanze che è l’azionista di maggioranza della Leonardo SPA” concludono dalla Rsu Uilm di Taranto.

(leggi tutti gli articoli sulla Leonardo Grottaglie https://www.corriereditaranto.it/?s=leonardo&submit=Go)

Condividi:
Share
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)