Maschere e Farwest

 

Frammenti di chiacchiere, discorsi, vite
pubblicato il 06 Marzo 2021, 21:29
3 mins

Mattina. Un giorno qualunque. Vicino al mercato.

“Signoraaaa, senza mascherina non si può entrare!!! Ma come ve lo dobbiamo dire?”. Tre, le persone in tutto, compresa la commessa della panetteria, la guardano, come se di colpo avesse portato una ventata di peste e covid.

“Madonna mia. Nemmeno sono entrata”, risponde, l’untrice fulminata sull’uscio.

Abbiamo paura. E non solo del covid. “Stanno facendo un sacco di multe”. Dice un signore in fila, mentre la commessa annuisce comprensiva. “Quasi 500 euro a mia figlia perché stava in macchina con l’amica sua, senza mascherina”. “Ce schife!”, chiude il papà.

Fuori, più in là, il bar. Una decina di aperitivisti con l’aria di essere già alla frutta si danno il cambio per prendere le bionde, e parliamo di birra. Tutt’intorno un formicolio ininterrotto e furtivo. Un anziano automobilista resta bloccato fra le auto in doppia fila e i pedoni, che non conoscono l’esistenza delle strisce e degli altri corpi in movimento. Impaurito, impacciato, la macchina si spegne e si prende anche un “vaff…..” dal gomorroide in moto, dietro di lui.

Eppure, in questo scorcio di Terra di Mezzo, un cappello e un fischietto c’è. E lì. Scruta ma non vede. Annuisce, ammicca, si abbuia a tratti. Ma non decide. Distante, etereo. Sta.

Ma tutto a un tratto, qualcosa lo smuove.

La voce è pacata. La richiesta, quasi gentile: “Scusi, può spostarsi per favore? Sta occupando le strisce pedonali”.

E’ sorpreso. L’uomo con il banchetto e un po’ di merce.

“E addò agghia scè mo’?”. “Piccè m’agghia spustà?”. Calmo, sereno, distaccato.

Torna la voce gentile, più rassicurante di prima: “Dai, devi solo spostarti, tanto tra un pò ce ne andiamo”.

Sbuffa. L’uomo che vende mascherine comincia a maneggiare controvoglia i pacchi. Troppo scomodo spostare tutto, sembra facile trovarsi un altro angolo, altre strisce. E tutto quel viavai? Dove altro lo trova? Meglio aspettare. Prende una busta, comincia a riempirle di mascherine, ne riempie metà, la svuota. Rimette tutto sul banchetto. Uno sguardo all’angolo. Sorride. E’ andata bene, un’altra volta. L’economia non si deve fermare, come lo spettacolo, che giornalmente avviene.

Le auto restano in doppia fila, mentre non si capisce più che senso hanno regole, mentre all’angolo in dieci si brinda, mentre il “cappello”, fischiettando, se ne va.

Condividi:
Share
Nato il 10 Agosto 1976. Laureato in Sociologia nel 2003 anno in cui comincia a collaborare con la casa editrice Ink Line. Dal 2008 iscritto all’Ordine dei Giornalisti. Ha collaborato con il mensile Ribalta di Puglia, il quotidiano Taranto Oggi, il periodico N.B. Nota Bene e l’agenzia stampa Italia Media per i siti web Sportevai e Basilic. Nel 2009 ha diretto il mensile Pugliamag e dal 2015 il sito web Place2beMag. Nel 2014 ha scritto (Con)testi da incubo, tre monologhi sul tema della violenza di genere e andato in scena anche nel Novembre 2015 in occasione della Giornata mondiale contro la violenza sulle donne.

4 Commenti a: Maschere e Farwest

  1. Giuseppe

    Marzo 6th, 2021

    Rispecchia fedelmente la situazione della nostra città: isola pedonale ormai invasa da monopattini e bici elettriche; auto perennemente parcheggiate agli angoli oppure sulle strisce pedonali oppure in doppia fila (possibilmente sfalsate, per meglio fastidio!); escrementi canili letteralmente seminati sui marciapiedi. E tanto altro all’insegna del “Ce’ me ne futte a mme!”. E, gran dispiacere, dovremmo offrire questo ai turisti?
    Dovremmo prima civilizzarci.

    Rispondi
  2. Piero

    Marzo 7th, 2021

    Tutto dipende dall’efficienza o meno delle forze dell’ordine ( in questo caso i Vigili Urbani, come dimostro’ Cito con i carri attrezzi). Per esperienza posso dire che in Inghilterra la gente sarebbe per tendenza molto piu’ selvaggia ed indisciplinata, ma li come sgarri ti fulminano.

    Rispondi
  3. Giuseppe

    Marzo 7th, 2021

    @ Piero
    Sicuramente un effetto deterrente notevole si avrebbe con un maggior controllo da parte delle Forze dell’ordine.
    Ricordo, alcuni decenni fa (sono grandicello!), che un automobilista tedesco lodava su una famosa rivista gli italiani che “erano disciplinati” nonostante la mancanza di controlli e di sicurezza della pena.
    Purtroppo, assistiamo a F. O. che sono indifferenti davanti alle trasgressioni, voltandosi addirittura dall’altra parte se non impegnati a far “capannello” tra di loro o guardarsi (si, anche loro) il cellulare sbellicandosi dalle risate.
    Alcune domeniche fa feci notare ad una auto-pattuglia dei V. U. un paio di monopattini che sfrecciavano in via D’Aquino; risposta: “siamo impegnati in…, avvisi gli agenti a piedi!”.
    A proposito di monopattini, viaggiano oltre che a velocità sostenuta anche con due persone a bordo. Qualcuno lo ha notato?

    Rispondi
  4. Mimmo

    Marzo 8th, 2021

    … ma perché i dirigenti comunali o i comandanti delle forze dell’ordine invece di posizionare le pattuglie non mettono dei “cartonati”?

    Rispondi

Commenta

  • (non verrà pubblicata)