Taranto, truffa e fatture false: sequestrati 2 milioni di euro di beni

 

pubblicato il 25 Febbraio 2021, 14:56
34 secs

I militari del comando provinciale della Guardia di Finanza di Taranto hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo di disponibilità finanziarie, beni mobili e immobili, per un valore complessivo di circa 2 milioni di euro, nei confronti di 5 imprese pugliesi.

Il provvedimento cautelare, emesso dal gip del tribunale di Taranto, Rita Romano, su richiesta della pm Marzia Castiglia, costituisce l’atto conclusivo dell’operazione Gypsy Fuel su illeciti nella commercializzazione di gasolio agricolo soggetto ad accise.

La commercializzazione del gasolio avveniva attraverso l’allestimento di veri e propri distributori abusivi, privi non solo di ogni autorizzazione amministrativa, ma anche di ogni basilare norma di sicurezza relativa al trattamento di materiale esplodente e incendiario, collocati di volta in volta nelle campagne di Laterza.

Al termine delle indagini è stata contestata l’esistenza di un’associazione per delinquere dedita alla commercializzazione di gasolio agricolo, destinato ad usi diversi da quelli consentiti, per circa 4 milioni di litri, con un’evasione di accise per 1 milione e 869 mila euro, 725 mila euro di Iva, nonché proventi derivanti da attività illecita per oltre 4 milioni di euro. Nell’inchiesta sono indagate 14 persone, 13 delle quali arrestate nel mese di giugno 2020.

Condividi:
Share
Per comunicati stampa o proposte [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)