Grottaglie, stalker fermato grazie al Codice Rosso: il secondo in due giorni

 

pubblicato il 20 Febbraio 2021, 13:46
2 mins

Grazie al “Codice Rosso”, uno strumento entrato in vigore nell’agosto del 2019 con l’obiettivo di accelerare, in casi di gravi violenze familiari, l’azione delle forze dell’ordine, gli agenti del Commissariato di Grottaglie sono intervenuti in aiuto di una donna, che dopo una tormentata vita familiare durata poco più di un anno, aveva trovato rifugio in casa dei genitori.
La vittima aveva denunciato alcuni mesi fa il marito per le continue violenze domestiche. L’uomo, per futili motivi, in preda a scatti d’ira, iniziava a danneggiare e distruggere qualsiasi cosa aveva sotto tiro, dai suppellettili ai mobili di casa. Queste violenze immotivate avevano impaurito la giovane donna, madre di un neonato di pochi mesi, costringendola a chiedere aiuto e sostegno ai suoi genitori, in casa dei quali  si era  poi definitivamente trasferita.

Proprio quest’ultima decisione aveva generato nel marito reazioni ancora più violente fino a quella di ieri sera quando, armato di una mazza da baseball, si è presentato sotto casa dei genitori della moglie e, dopo le reiterate richieste di ricongiungersi alla donna –  rimaste ovviamente inascoltate – ha iniziato a danneggiare l’auto dei suoceri.
Solo l’immediato intervento dei polizotti del Commissariato ha posto fine alla violenta azione.
Bloccato con non poche difficoltà è stato condotto negli Uffici del Commissariato, arrestato in flagranza di reato e condotto nel carcere di Trani.

Il secondo arresto in due giorni per episodi di violenze sulle donne fornisce, ancora una volta, l’occasione per ricordare il supporto della Polizia di Stato verso chiunque subisca violenze di familiari o di genere e che l’App “YOUPOL” è un utilissimo strumento per chiedere aiuto.

“YOU POL” permette anche in forma anonima di inviare segnalazioni alla Sala Operativa della città di appartenenza che in tempo reale potrà adottare tutti gli strumenti utili per il sostegno alle vittime di violenza.

Condividi:
Share
Per comunicati stampa o proposte [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)