Felpa e doppiopetto

 

Frammenti di chiacchiere, discorsi e vite
pubblicato il 14 Febbraio 2021, 12:50
6 mins

Da una parte, Matteo R. si compiace di aver buttato giù Giuseppe C. e si intesta la paternità del nuovo governo nascente di Mario D., ovvero, colui che cammina sulle acque e ne separa le sponde, ma soprattutto, colui che deve decidere come spendere un pacco di miliardi mai visti dal secondo dopoguerra. Dall’altra, Matteo S. è ancora nel pieno esercizio di una delle giravolte più estreme che la storia e le cronache politiche abbiano mai registrato. Da “prima il Nord” a “prima l’Italia” fino a “prima l’Europa”, per Matteo S. il passo è breve. Alle spalle, venti giorni di crisi di governo, ma il Governo c’è. Eppure, i “pensieri”, sui social sono ancora tutti per lui. Quelli qui sotto alcuni commenti intercettati su Facebook.

 

Arturo M.

Ha cambiato più volte idea lui che Pellè sul rigore contro Neuer in Italia-Germania…

 

Annamaria D.

Arturo M. lui non cambia idea, prende la gente per i fondelli ma quello che è grave è che c’è chi gli crede, aiutoooo!!!

 

Nicola C.

Arturo M. la colpa non è sua xchè lui è nato così, la colpa è di chi lo vota

 

Marcello M.

Arturo M. solo che Pellè è andato in Cina lui spacca il cazzo qui

 

Nino B.

Arturo M. e Di Maio?

 

Giuseppe S.

Nino B. fammi capire sarebbe una giustificazione? Guarda che è politica non è il campionato di calcio

 

Antonio G.

Difficile battere i grillopidioti

 

Anna M.

Annamaria D. Gli crede chi ha gli stessi interessi e finge insieme a lui

 

Livio M.

Nino B. e i marò?

 

Antonio G. È arrivato il leghiota

 

Nicola C.

Arturo M. la colpa non è sua xchè lui è nato così,la colpa è di chi lo vota

 

Maria P.

Ha cambiato più idee che mutande. Sappiamo cosa pensa la mattina, ma non è detto che sia lo stesso pensiero che avrà la sera

 

Francesco L.

A questo punto è meglio avere un comico politico che un politico comico

 

Alessandra M.

L’unica cosa che è costante nelle sue dichiarazioni, fateci caso, è che si mette sempre a paragone con gli altri. Dice sempre “noi facciamo così, non come altri che…”. È il loro fare che però cambia ogni giorno. Davvero, io ho problemi con i Matteo della politica italiana…deve essere il nome. In politica si abbina sempre ad un demente egocentrico

 

Carmine G.

Ma cosa vogliamo commentare più. Siamo nel ridicolo, ma questo vale per tutti gli attori. Onestamente mi sento preso per il….Bip bip

Mi dispiace per i nostri figli, eredità pesantissima che lasciamo sulle loro spalle. Mi vergognoo!!!

 

Sokol M.

Cominciò a ripeterlo in continuazione. L’odore dei soldi in arrivo è troppo forte. E che lui ritornerà ad essere lo stesso che era prima. È la sua natura. Compreso quello di mostrare tante maschere……

 

Michele U.

I soldini fanno miracoli e giustificano le giravolte di quasi tutti ‘sti clown, basta solo ricordarsene al momento delle urne ed è un pensiero che va da destra a sinistra

 

Sergio P.

La coerenza non sa cosa significhi, è penoso…

 

Rosario C.

L’importante è che i sui elettori non cambino mai idea. Gli piace essere presi per i fondelli e guai a cambiare

 

Daniela C.

Vabbé ma lui è il re dell’incoerenza. La cosa grave è che c’è gente che gli crede

 

Marco C.

Questo lo odio a prescindere!! Ma al momento mi viene difficile prendermela solo con lui

 

Daniel V.

Perdonami Andrea, ma i vari Grillo Di Maio cosa hanno fatto?? Non per difendere Salvini che a mio avviso è indifendibile, penso però che sei troppo di parte con il movimento

 

Cosimo R.

Felpa e doppiopetto: il leghista perfetto!

 

Aldo C.

I leghisti del nord quelli che contano assieme a Giorgetti lo hanno chiamato e lo hanno messo in riga..o così o cambiamo leader….anche perché tra lega lombarda e quella veneta c’è una grossa differenza soprattutto nei fatti e nelle scelte..Zaia insegna…

 

Gaetano P.

Uno che ha preso un partito che voleva la secessione e ora parla di Italia unita….. bruciavano le bandiere e ora gira con la mascherina col tricolore…..

 

Fabrizio C.

Tra lui e Renzi è una bella gara tra voltagabbana ! senza contare il pregiudicato caimano, accolto a Roma come un grande statista da Draghi (ciao, grazie per essere venuto!) e la Meloni stella della peggior destra europea! Siamo messi male ? No, molto peggio!

 

Domenico C.

GOLDRAKE con le sue GIRAVOLTE SPAZIALI LI FA UN BAFFO A STO SOGGETTO AVARIATO!!!!!!!

 

Antonello L.

Poche idee, ma molto confuse.

Condividi:
Share
Nato il 10 Agosto 1976. Laureato in Sociologia nel 2003 anno in cui comincia a collaborare con la casa editrice Ink Line. Dal 2008 iscritto all’Ordine dei Giornalisti. Ha collaborato con il mensile Ribalta di Puglia, il quotidiano Taranto Oggi, il periodico N.B. Nota Bene e l’agenzia stampa Italia Media per i siti web Sportevai e Basilic. Nel 2009 ha diretto il mensile Pugliamag e dal 2015 il sito web Place2beMag. Nel 2014 ha scritto (Con)testi da incubo, tre monologhi sul tema della violenza di genere e andato in scena anche nel Novembre 2015 in occasione della Giornata mondiale contro la violenza sulle donne.

Commenta

  • (non verrà pubblicata)