Celebrazioni in onore di Sant’Egidio a Tramontone

 

pubblicato il 03 Febbraio 2021, 18:15
3 mins

Anche la parrocchia di Sant’Egidio e la omonima confraternita, nella chiesa di Tramontone, terranno festeggiamenti in onore del santo tarantino fino a domenica 7, giorno della sua nascita al cielo (7 febbraio 1812) e in coincidenza con il 25° anniversario della canonizzazione, avvenuta il 2 giugno 1996 in piazza San Pietro con Giovanni Paolo II.
Oggi, giovedì 3, in mattinata, distribuzione ai bisognosi dei generi alimentari raccolti nelle giornate precedenti; alle ore 18, la santa messa sarà animata dalla confraternita (priore, Pino Lippo) con recita dell’atto di affidamento comunitario al santo. Venerdì 4, dopo la santa messa delle ore 8, adorazione eucaristica fino a mezzogiorno, con supplica e benedizione col Santissimo; alle ore 16.30 riprenderà l’adorazione eucaristica, con possibilità di accostarsi al sacramento della Riconciliazione; alle ore 18 santa messa con atto di affidamento al santo; seguirà un momento di fraternità animato dai ragazzi del gruppo “Gioia”. Sabato 5, sante messe alle ore 8-18 e 19.30; alle ore 18 nella chiesa di San Pasquale una rappresentanza della comunità parrocchiale parteciperà alla celebrazione eucaristica che sarà presieduta dal parroco don Lucangelo De Cantis, con l’animazione del gruppo “Gioia”. Domenica 7, festa liturgica di Sant’Egidio, sante messe celebrate alle ore 8-9.30-11-18.
Posta nel territorio al confine tra Talsano e Lama, la parrocchia fu istituita il 30 marzo del 1986 da mons. Guglielmo Motolese ed entrò in piena operatività il 31 ottobre 1986, inizialmente allocata in una villa e un container. Mons. Motolese profeticamente disse al primo parroco don Luigi Trivisano (proveniente dalla San Pio X) che la sua sarebbe divenuta la parrocchia più grande di Taranto, così come si sarebbe rivelata con i suoi attuali 23mila abitanti. Nell’aprile 1990 durante la cerimonia presieduta dall’arcivescovo mons. Salvatore De Giorgi fu posta la prima pietra del centro sociale. Il 26 aprile 1992, invece, il suo successore mons. Benigno Luigi Papa pose la prima pietra del nuovo tempio, poco distante dalla sede iniziale. L’11 settembre del 1993 mons. Papa inaugurò la nuova chiesa e benedisse la casa canonica e i locali per le attività pastorali. Nel giugno del ’94 furono inaugurati i campi sportivi mentre nel 2009 ci fu l’acquisizione del centro sociale donato dall’Edas. Tra gli avvenimenti particolari nella storia della parrocchia, le“peregrinatio” delle spoglie di Sant’Egidio avvenute negli anni 1988, 2000 e 2006.

Condividi:
Share
Per comunicati stampa o proposte [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)