Ospedale San Caltaldo sarà pronto a gennaio 2022

 

In I Commissione regionale audizione dei dg delle ASL TA-BA-LE-BAT sullo stato dei lavori dei nuovi ospedali pugliesi 
pubblicato il 11 Gennaio 2021, 17:58
2 mins

Lo stato di attuazione della programmazione finanziaria per l’edilizia ospedaliera e la verifica sull’andamento della spesa per la realizzazione dei nuovi ospedali pugliesi, sono stati oggetto di audizione in I Commissione presieduta dal consigliere regionale Fabiano Amati.

Si è trattato in particolare di fare il punto della situazione relativamente alla realizzazione degli ospedali “San Cataldo” di Taranto, di Monopoli-Fasano, di Maglie-Melpignano e del nuovo ospedale di Andria.

A riferire sull’andamento dei lavori per la costruzione dell’ospedale “San Cataldo”, sono stati il direttore generale dell’Asl di Taranto Stefano Rossi, il RUP ed il responsabile della direzione dei lavori, i quali hanno detto che ad oggi è stato eseguito il 4 per cento dei lavori complessivi dell’opera, di cui l’80 per cento di scavi e montate tre gru, la cui consegna definitiva dei lavori è avvenuta il 22 dicembre 2020, data da cui è partito il conto per il raggiungimento dei 399 giorni effettivi previsti ai fini della realizzazione definitiva della struttura, che avverrà quindi il 24 gennaio 2022. È stato evidenziato che il cronoprogramma è coerente con l’andamento dei lavori, sul cui cantiere stanno lavorando su tre turni 140 tra operai e tecnici.

In occasione della visita del premier Giuseppe Conte lo scorso 12 ottobre, si tenne la cerimonia della posa della prima pietra del cantiere dei lavori, alla presenza tra gli altri del sindaco Rinaldo Melucci e del governatore Michele Emiliano.

Lo scorso 30 dicembre invece, la ditta esecutrice dei lavori ha proceduto alla prima colata di calcestruzzo della platea di fondazione dell’immobile.

Come si ricorderà, l’esito della gara del bando di Invitalia ha avuto risvolti giuridico-amministrativi, con ricorsi al Tar ed al Consiglio di Stato che hanno rallentato e non poco l’avvio dei lavori, come potete rileggere cliccando al link qui sotto.

Noi continueremo a seguire la realizzazione dell’ospedale, per verificare che il tutto venga fatto nel rispetto di quanto previsto dal bando ed anche dei diritti dei lavoratori coinvolti nella realizzazione dell’opera.

(leggi tutti gli articoli sull’ospedale San Cataldo https://www.corriereditaranto.it/?s=ospedale+san+cataldo&submit=Go)

 

Condividi:
Share
Gianmario Leone, nato a Taranto il 2/1/1981, laureato in Filosofia, docente di Storia e Filosofia, per 8 anni opinionista del quotidiano "TarantoOggi" nel settore, ambiente, politica, economia, cultura e sport, collaboratore e referente per la Puglia dal 2012 de "Il Manifesto" e del sito "Siderweb", collaboratore dal 2011 al 2015 del sito di informazione ambientale www.inchiostroverde.it. Ha collaborato nel corso degli anni anche con altre testate on line o periodici cartacei come 'Nota Bene' e 'LiberaMente' ed è un'opinionista di "Radio Onda Rossa" e "Radio Onda d'urto". Collabora con Radio Popolare Salento. Dal 2008 al 2012 ha lavorato per l'agenzia di stampa "Italiamedia". Ha contribuito alla realizzazione del lungometraggio 'Buongiorno Taranto' e al docufilm 'The italian dust'. Nel dicembre 2011 ha ottenuto il “Riconoscimento S.o.s. Taranto Chiama”, "per il suo impegno giornaliero d’indagine e approfondimento sui temi ambientali che riguardano la città". Nel febbraio del 2014 invece ha ottenuto il premio dei lettori nel "Premio Michele Frascaro, dedicato al giornalismo d’inchiesta", indetto dalle Manifatture Knos e patrocinato dall’Ordine Nazionale e Regionale dei Giornalisti , attribuito in base al voto on line, per la sua inchiesta sul progetto “Tempa Rossa” (Eni), che racchiudeva gli articoli scritti tra il 2011 e il 2012.

Commenta

  • (non verrà pubblicata)