“La cultura cambia il clima”: questo dossier s’ha da fare!

 

Il Comune espone il dossier che è al vaglio del Ministero della Cultura per diventare Capitale della Cultura 2022, ma le prospettive vanno oltre qualsiasi traguardo si raggiunga
pubblicato il 11 Gennaio 2021, 22:44
55 secs

In 60 pagine fitte di bellezza c’è l’aspirazione di Taranto e della Grecìa Salentina a diventare Capitale Italiana della Cultura 2022. Il dossier intitolato “La cultura cambia il clima”, già presentato al MiBACT che tra qualche giorno si esprimerà sull’assegnazione del titolo, è il compendio di un percorso di analisi e partecipazione, condotto dall’amministrazione Melucci con le più importanti risorse culturali della città.

È suddiviso in “ecosistemi”, mutuando il filo conduttore dell’intera strategia politica dell’amministrazione Melucci condensata nel piano di transizione “Ecosistema Taranto”, ma è anche innovativo, trasversale, coinvolgente e aperto, rispondendo alle espresse indicazioni del ministro Dario Franceschini: al suo interno ci sono centinaia di eventi che abbracciano storia, tradizioni, arte, enogastronomia, natura, declinati secondo il tema del cambiamento.

«Nel nostro dossier c’è più anima – le parole del sindaco Rinaldo Melucci –, perché certifica un movimento che questa città ha già avviato e che vede nella cultura e negli eventi driver fondamentali per la trasformazione della propria immagine. Abbiamo coinvolto gli amici della Grecìa Salentina in prima battuta, ma anche Bari che con noi è in finale, perché crediamo nella forza del “sistema Puglia”. Ci crediamo così tanto che, qualunque sia il verdetto, ci siamo già impegnati con loro a rendere il 2022 un anno della cultura, realizzando comunque parte dei nostri dossier».

Dossier Taranto Capitale Italiana della Cultura 2022
Condividi:
Share
Per comunicati stampa o proposte [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)