Provincia, alcuni sindaci chiedono vertice urgente

 

Al centro della discussione il trasporto pubblico locale e il deposito di rifiuti nucleari
pubblicato il 10 Gennaio 2021, 11:25
2 mins

I Sindaci di Palagianello, Sava, Monteiasi, Avetrana e Pulsano chiamano in causa la Provincia e l’Assemblea dei sindaci. Motivo: discutere del trasporto pubblico locale (ordinanza di Melucci su divieto ingresso bus extraurbani in città) e sul Deposito nazionale di rifiuti nucleari.

Nelle ultime settimane ci sono stati delle discussioni molto importanti su alcuni temi delicatissimi che riguardano il presente e il futuro della provincia ionica. Difatti, prima la vicenda del traporto pubblico locale e l’ingresso dei bus extraurbani nel centro di Taranto disposta dal Sindaco del capoluogo e da ultimo la questione relativa al Deposito Nazionale dei rifiuti radioattivi ha riscontrato l’attenzione di parecchie amministrazioni comunali della provincia molto interessate all’evolversi di questi importanti temi. Pertanto, i Sindaci di Palagianello (Borracci), Sava (Iaia), Monteiasi (Ciura), Avetrana (Minò) e Pulsano (Lupoli) hanno chiesto ufficialmente al Presidente della Provincia di Taranto e all’Assemblea dei Sindaci della Provincia di Taranto la convocazione di un’assemblea per discutere del seguente ordine del giorno: Deposito Nazionale dei rifiuti radioattivi e del Parco Tecnologico, Carta Nazionale delle Aree Potenzialmente Idonee (CNAPI). Comuni coinvolti della Provincia di Taranto e Trasporto Pubblico Locale della Provincia di Taranto e Ordinanza del Sindaco del Comune di Taranto in merito al divieto di ingresso degli autobus extraurbani nel centro del Comune di Taranto.
Naturalmente, considerata l’importanza degli argomenti da discutere e trattare ci si auspica una convocazione in tempi brevi al fine di dare le opportune rassicurazioni alle rispettive comunità amministrate”.

Condividi:
Share
Per comunicati stampa o proposte [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)