Deposito nucleare in Puglia, settore agricolo in rivolta

 

Coldiretti Puglia, CIA Agricoltori Italiani della Puglia e CIA Area Due Mari profondamente contrarie all'ipotesi delle aree individuate in Puglia
pubblicato il 07 Gennaio 2021, 20:18
6 mins

“La scelta deve tutelare la vocazione dei territori in una regione come la Puglia in prima linea per l’agricoltura green con 11 prodotti agroalimentari a Denominazione di Origine Protetta,  27 vini DOC, 4 DOCG e 6 IGP, altre 6 IGP ai prodotti ortofrutticoli, la leadership nel biologico con oltre 266mila ettari coltivati e 9380 operatori bio, oltre a 299 prodotti riconosciuti tradizionali dal Ministero delle Politiche Agricole e il primato della sicurezza alimentare mondiale“. E’ quanto dichiara Coldiretti Puglia, alla notizia che nella Carta dei siti potenzialmente idonei alla costruzione del Deposito nucleare nazionale la Puglia è indicata con l’area di Gravina in Puglia in provincia di Bari, insieme ai comuni di Altamura (in provincia di Bari) e Laterza (in provincia di Taranto) per un’area individuata in condivisione con Matera in Basilicata.

“Deve essere rispettato e tutelato il modello di agricoltura – afferma Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia – costruito attorno al territorio e alla certezza di sicurezza alimentare e ambientale da garantire ai cittadini-consumatori. Chiediamo una presa di coscienza e una forte partecipazione al tema, dopo le gravi vertenze ambientali che affliggono il territorio pugliese dall’ILVA di Taranto alla centrale Enel di Cerano, dalla invasione di foreste di pali eolici a Foggia alle ecomafie, “problemi” che condizionano non solo il reddito e lo sviluppo dell’agroalimentare e del turismo, ma pregiudicano la vita stessa dell’individuo”, insiste con forza il presidente Muraglia.

Coldiretti sottolinea l’importanza di un processo trasparente per la necessaria messa in sicurezza dei rifiuti radioattivi, “dove le necessarie garanzie di sicurezza – precisa Coldiretti – vanno accompagnate da una forte attenzione al consumo di suolo evitando nuovi insediamenti con il riutilizzo e la bonifica di aree industriali dismesse. L’allarme globale provocato dal Coronavirus – aggiunge Coldiretti – ha fatto emergere una maggior consapevolezza sul valore strategico rappresentato dal cibo e dalle necessarie garanzie di qualità e sicurezza che vanno difese e valorizzate per difendere la sovranità alimentare, ridurre la dipendenza dall’estero e creare nuovi posti di lavoro”.

“Non lasceremo da sole le comunità di Gravina di Puglia, Altamura e Laterza. CIA Agricoltori Italiani della Puglia è contro la realizzazione dei siti per lo stoccaggio di scorie nucleari in territori già gravati da problemi importanti, aree che esprimono potenzialità di rilievo dal punto di vista agricolo, agroalimentare, zootecnico e turistico. Se sarà necessario, CIA Puglia chiamerà alla mobilitazione il mondo dell’agricoltura, un mondo la cui dote primaria è lo sviluppo del comparto primario e della green economy”. A esprimere la posizione di CIA Agricoltori Italiani della Puglia è il presidente dell’organizzazione, Raffaele Carrabba.

Sulla stessa lunghezza d’onda, i responsabili territoriali della CIA, a cominciare dal presidente e dal direttore di CIA Area Due Mari (Taranto-Brindisi), rispettivamente Pietro De Padova e Vito Rubino: “Taranto non ha ancora risolto la questione Ilva. Qui c’è da bonificare e da avviare un progetto pluriennale di potenziamento di un’economia non più basata su fattori inquinanti, ma sull’immenso patrimonio rappresentato da risorse ambientali come il mare e l’agricoltura sostenibile”. L’organizzazione agricola esprime forte contrarietà anche riguardo all’individuazione di Gravina di Puglia e Altamura come località nelle quali realizzare i siti di stoccaggio. “Stiamo parlando di altre due realtà che esprimono la loro migliore vocazione proprio nell’economia verde, che comprende agricoltura, turismo, produzione di energie da fonti naturali e rinnovabili”, hanno dichiarato Felice Ardito e Giuseppe Creanza, rispettivamente presidente e direttore di CIA Levante.

“La Puglia, negli ultimi 15 anni, ha lavorato molto e bene alla formazione e al consolidamento di un’immagine che, finalmente, punta sulle proprie risorse tradizionali e innovative legate indissolubilmente al comparto primario, alla trasformazione delle proprie eccellenze agroalimentari e all’integrazione tra agricoltura, enogastronomia e turismo. Interrompere o inficiare questo percorso sarebbe una follia“.

“Crediamo sia necessario uno sforzo suppletivo, da parte del governo, per comprendere appieno le conseguenze delle proprie decisioni su territori martoriati in questi anni da una crisi profonda, acuita dall’emergenza Covid-19 e da una serie ripetuta di calamità naturali”, ha proseguito il presidente regionale di CIA Puglia Raffaele Carrabba. “La Puglia è un territorio che in questi anni ha mostrato una fragilità superiore a quella di tante altre regioni. Non possiamo dimenticare la questione Xylella, ad esempio, come non è possibile mettere in secondo piano sia i punti di forza che i punti di debolezza di un comparto, quello agricolo e agroalimentare, che in questa regione rappresentano la prima industria per numero di addetti e ruolo economico, sociale e culturale nello sviluppo presente e futuro dei territori”.

(leggi il nostro articolo https://www.corriereditaranto.it/2021/01/05/deposito-nucleare-anche-taranto-tra-aree-idonee/)

Condividi:
Share
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)