L’anniversario dell’arrivo a Taranto dell’arcivescovo Santoro

 

pubblicato il 05 Gennaio 2021, 09:14
2 mins

Oggi, martedì 5 gennaio, ricorre il nono anniversario dell’ingresso dell’arcivescovo mons. Filippo Santoro in diocesi. Per ricordare l’evento, in questa giornata alle ore 11 il successore di San Cataldo celebrerà la santa messa nella cappella del seminario arcivescovile di Poggio Galeso.

Prevista la diretta streaming sul canale istituzionale dell’arcidiocesi (www.youtube.com/c/arcidiocesiditaranto) ed in contemporanea sul sito della diocesi (www.diocesi.taranto.it).

Nato a Carbonara-Bari il 12 luglio 1948 e ordinato sacerdote il 20 maggio 1972, don Filippo, così come ama farsi chiamare l’arcivescovo, iniziò il suo mandato episcopale in diocesi il 5 gennaio 2012. Giunse, come tradizione, dal mare, richiamandosi così allo sbarco sulle nostre coste del santo patrono, San Cataldo, che rievangelizzò la nostra città ricaduta nel paganesimo.

Precedentemente mons. Santoro risiedeva in Brasile dove nel 1984, su invito di mons. Luigi Giussani (indimenticata guida del movimento di Comunione e Liberazione), fu inviato quale missionario “fidei donum”. Nel 2004 fu poi nominato da Giovanni Paolo II vescovo della diocesi di Petropolis. Il 21 novembre 2011 Benedetto XVI lo volle arcivescovo metropolita di Taranto, succedendo a mons. Benigno Luigi Papa, dimessosi per raggiunti limiti di età. Il 5 gennaio 2012 egli prese possesso dell’arcidiocesi. Il 29 giugno dello stesso anno mons. Santoro ricevette il pallio nella basilica di San Pietro dalle mani di Benedetto XVI e il successivo 18 settembre divenne padre sinodale della 13.ma Assemblea generale ordinaria del Sinodo dei vescovi su “La nuova evangelizzazione per la trasmissione delle fede cristiana”. Il 6 febbraio 2014 giunse la nomina a consultore del Pontificio consiglio per i laici. Il 20 maggio 2015, infine, egli assunse il prestigioso incarico di presidente della Commissione episcopale per i problemi sociali e il lavoro, la giustizia e la pace della Conferenza episcopale italiana.

Condividi:
Share

Commenta

  • (non verrà pubblicata)