Battista, Corvace e Fornaro: “I problemi di Taranto non sono solo l’Ilva”

 

pubblicato il 26 Dicembre 2020, 11:03
53 secs

I consiglieri d’opposizione – Battista, Corvace e Fornaro – già preparano le loro interrogazioni nel prossimo ‘question time’ in Consiglio comunale, previsto per il 30 dicembre. Ecco i temi che proporranno:

Dal confronto quotidiano con i nostri concittadini, emergono tante questioni irrisolte in merito all’attività dell’Amministrazione Melucci.
Il prossimo 30 dicembre, durante il “question time”, porremo all’attenzione dell’Amministrazione tre interrogazioni.
La prima riguarda un tema particolarmente sentito dai tanti tifosi, e non solo, in merito al mancato utilizzo del campo “B” dello Iacovone da parte del Taranto Calcio, in occasione delle gare casalinghe.
Nonostante le apparentemente rassicuranti dichiarazioni dell’Assessore allo Sport Marti, non abbiamo certezza della presenza dell’omologazione del campo per il campionato di serie D.
Nella seconda, chiederemo ulteriore chiarezza sulla vicenda “mascherine”, la cui spedizione risulta sospesa, nonostante siano stati spesi soldi pubblici per l’acquisto delle stesse.
E, a settimane di distanza, la cittadinanza non ha ancora ricevuto rassicurazioni riguardo l’autorizzazione della cooperativa a svolgere il servizio di imbustamento.
Nella terza ed ultima – sollecitati da un gruppo di genitori preoccupati, a cui l’Amministrazione non ha fornito alcuna garanzia sulla continuità servizio pubblico – chiederemo di fare il punto, in maniera chiara e inequivocabile, sulla gestione degli asili nido comunali.
Come sempre, ribadiamo che Taranto non è solo Ilva, le problematiche sono tante e, nelle prossime settimane, cercheremo di portare in Consiglio altri temi proposti dai cittadini.

Condividi:
Share
Per comunicati stampa o proposte [email protected]

Un Commento a: Battista, Corvace e Fornaro: “I problemi di Taranto non sono solo l’Ilva”

  1. Fra

    Dicembre 26th, 2020

    Bisogna avere il prosciutto negli occhi per non accorgersi dei disastri di questa città ,mentre qualcuno si vanta non so di che !! Non c’è futuro per una città del Medioevo ,tra credenze e tendenze rurali e antiquate e aggiungo ridicole, ma la città peggiora il suo sistema pubblico e sanitario . Non ci resta che piangere ,ma i cittadini probabilmente sono contenti di questo scempio assoluto . Che tristezza . Impegnatevi per nuove infrastrutture almeno ,visto che il resto lascia a desiderare. Ma si continua a dormire in un lungo sonno senza risveglio !!

    Rispondi

Commenta

  • (non verrà pubblicata)