Il Taranto a Nardò per la prova del nove

 

Con una formazione rimaneggiata dalle recenti squalifiche, la squadra rossoblù affronta un avversario imbattuto da cinque turni.
pubblicato il 22 Dicembre 2020, 14:42
3 mins

Domani alle 14.30 si giocherà la gara valida per la 9a giornata del Girone H di Serie D tra Nardò e Taranto. Un crocevia, importante, questo impegno esterno, per la squadra allenata da Laterza che alla ripresa del campionato, al nuovo anno, avrà quattro impegni abbordabili sulla carta, Fasano e Andria consecutivamente in casa, Portici in trasferta e poi Molfetta ancora in casa.

Se capitan Marsili e compagni dovessero venir via con i tre punti dalla tradizionalmente ostica trasferta neretina, le ambizioni potrebbero crescere ulteriormente.

Il Nardò occupa la sesta posizione e, fin qui, hanno raccolto tredici punti in otto gare. Dopo un inizio negativo con tre sconfitte consecutive, la formazione allenata dall’ex giocatore rossoblù Danucci, ha messo di fila cinque risultati utili consecutivi: quattro vittorie contro Puteolana (1-0), Casarano (2-0), Fasano (0-1) e Gravina (2-0 nell’ultimo turno), e un pareggio sul campo del Real Aversa (0-0). Dei tredici punti totali, nove sono arrivati in casa, dove i granata hanno totalizzato tre successi e una sconfitta.

La rosa presenta diversi ex Taranto come il portiere Mirarco, in rossoblù nella stagione 2014-2015, il difensore De Giorgi, in riva allo Ionio dal 2015 al 2017 e Potenza, stagione 2016-2017. Trai giocatori più rappresentativi figurano Sepe, terzino classe ’92 con un passato in Serie C con Matera e Potenza; Romeo, difensore centrale trentunenne ex Empoli e Juve Stabia, l’attaccante Caputo, ventinovenne ex Casarano e Barletta, ed il recente acquisto, il possente attaccante svedese Törnros, classe ’93 alla sua prima esperienza italiana.

Il Taranto giunge all’impegno probante con tre importanti assenze per squalifica, tutte dovute al match di domenica con l’Aversa. Si tratta del difensore Rizzo, del centrocampista under Diaby e del trequartista Acquadro. A questi vanno aggiunti i soliti infortunati di lungo corso Alfageme e Corvino più quelli recenti come Ferrara, forse comunque a referto, e Calemme.

L’assenza che potrebbe pesare di più sia per il valore del giocatore che per il riposizionamento degli under in campo è quella di Diaby, il miglior rossoblù sinora.

“E’ un ragazzo che in queste ultime giornate ha fatto bene, ha avuto un approccio giusto rispetto a quella che è la nostra squadra. Però anche senza luiabbiamo altre soluzioni pronte e ci sono altri elementi che fino ad oggi hanno avuto poco spazio e adesso hanno la possibilità di esprimersi. Ho fiducia in tutti, abbiamo un gruppo importante fatto di giocatori che possono dare il loro contributo” – ha affermato il tecnico del Taranto, Laterza, nella conferenza stampa pre-gara.

Condividi:
Share
Per comunicati stampa o proposte [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)