Accordo ex Ilva: quale impatto su ambiente e lavoro?

 

A chiederselo la Cgil di Taranto che attende di conoscere i dettagli dell'intesa e ripropone con forza la richiesta della VIIAS
pubblicato il 14 Dicembre 2020, 19:48
2 mins

“La vicenda ex ILVA entra in una fase nuova, in cui lo Stato assume direttamente con questo territorio un impegno di responsabilità, utile, ma tutto da verificare. L’ingresso di Invitalia è un fatto di grande rilievo, anche perché l’accordo sottoscritto ieri tra Governo e Mittal mette fine al contenzioso aperto nella sede del Tribunale di Milano”. E’ quanto afferma la Cgil di Taranto in merito alle ultime evoluzioni della vertenza sul siderurgico tarantino.

“Tutta da comprendere invece è la partita che riguarda l’impatto ambientale e sulla salute dei cittadini e quello sull’occupazione. I tempi non saranno brevi, ma la strada dovrà essere chiara e la comunità territoriale dovrà sapere con certezza con quali tecnologie e con quali risorse si abbandonerà il carbone e con quali garanzie si darà stabilità occupazionale” proseguono dalla Cgil.

“Certo tutta da verificare con attenzione sia per i risvolti sull’ambiente che sull’occupazione, e per questo, sarà importante chiedere anche un impegno finanziario pubblico sempre più consistente è determinante per non pregiudicare il percorso avviato – affermano dalla sede di via Dionisio -. In ogni caso, riteniamo con forza rivendicare e sostenere il principio dell’affermazione delle linee guida sulla VIIAS, da adottare in maniera fondamentale, perché riteniamo quello il vero punto di svolta e di equilibrio. Uno strumento fondamentale per coniugare scientificamente il diritto al lavoro e alla salute di tutti, a partire dai dipendenti del colosso siderurgico”.

“Attendiamo di avere maggiori dettagli sull’accordo siglato ieri e verificare se quel percorso condurrà realmente verso la ormai improrogabile transizione green del nostro modello industriale ed economico. Un percorso che dovrà avere, finalmente, tempistiche e direzioni certe che opportunamente dovranno essere spiegate e condivise con la comunità territoriale, partendo da dati scientifici certi, tecnologie utilizzabili e prospettive occupazionali” concludono dalla Cgil di Taranto.

(leggi gli articoli sull’Ilva https://www.corriereditaranto.it/?s=ilva&submit=Go)

Condividi:
Share
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

Un Commento a: Accordo ex Ilva: quale impatto su ambiente e lavoro?

Commenta

  • (non verrà pubblicata)