Taranto, tentano di rubare in una farmacia: tre arresti

 

pubblicato il 25 Novembre 2020, 14:37
2 mins

Tre giovani ladri sono stati intercettati ed arrestati dal personale della Squadra Volante di Taranto. Intorno alla mezzanotte di ieri i poliziotti della Sala Operativa 113 hanno ricevuto la segnalazione, nei pressi di una farmacia a pochi metri dalla Questura, della presenza di tre giovani che, travisati da mascherine e cappellini di lana, erano appena scesi da un’auto – una Ford di colore scuro – e stavano prelevando arnesi da scasso dal portabagagli.
La reazione dei poliziotti è stata fulminea. Approfittando anche delle poche auto in circolazione a quell’ora hanno subito intercettato in via Lago di Pergusa l’auto segnalata che, nel frattempo, si era allontanata dal luogo della segnalazione.
Gli agenti hanno prima identificato i tre giovani trovati a bordo dell’auto (due dei quali già con precedenti penali per furto); poi hanno iniziato ad ispezionare l’auto recuperando nel portabagagli numerosi arnesi atti allo scasso.
I tre sono così stati accompagnati nei vicini uffici della Questura per i rilievi di rito.
Nel frattempo, con la collaborazione della proprietaria della farmacia arrivata sul posto, gli agenti hanno visionato le immagini del circuito di video sorveglianza che hanno immortalato i tre giovani che, armati di martello e due grossi “piedi di porco”, cercavano di scassinare il distributore automatico all’esterno dell’esercizio commerciale.
Immagini che, immortalando la Ford e i ladri con gli stessi indumenti indossati al momento del controllo, hanno dato la definitiva conferma sulle loro responsabilità.
I tre, rispettivamente di 31, 27 e 28 anni sono stati tratti in arresto per  tentato furto aggravato. oliziaIl 28enne che, nel corso della perquisizione personale era stato trovato in possesso di quasi un grammo e mezzo di cocaina nascosta negli indumenti intimi, è stato anche segnalato all’autorità competente quale assuntore di sostanze stupefacenti.

Condividi:
Share
Per comunicati stampa o proposte [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)