Leonardo, i sindacati: “Chiediamo prospettive chiare”

 

Oggi si è tenuto il consiglio di fabbrica per discutere la situazione di crisi che attraversa lo stabilimento di Grottaglie: mobilitazione da venerdì
pubblicato il 23 Novembre 2020, 17:26
43 secs

“A fronte della gravità della situazione attuale causata dal vuoto lavoro strutturale” che sta interessando lo stabilimento Leonardo di Grottaglie, si è riunito in data odierna il Consiglio di Fabbrica di Leonardo Grottaglie alla presenza dei segretari generali di Fim-Fiom-Uilm Taranto.

“Si continua ad apprendere del vertiginoso calo produttivo solo attraverso i mezzi di comunicazione, Leonardo infatti, continua a non fare chiarezza sulle prospettive del sito grottagliese – affermano le segreterie Fim-Fiom-Uilm Taranto -. Riteniamo fondamentale conoscere, per Grottaglie, le modalitа di gestione dell’immediato futuro – che per quanto ci riguarda devono avere carattere solidaristico in ottica di una visione globale One Company – e quali sono i progetti di lavoro aggiuntivi che la Leonardo intende destinare allo stabilimento di Grottaglie per ovviare al problema generato (stando a quanto ha ufficializzato la committente Boeing nei propri piani industriali) dalla contrazione produttiva strutturale”.

“Tanto premesso, durante le assemblee di tutti i lavoratori dello stabilimento, Leonardo, Fata Logistic Systems, Axist, Siram Veolia, Technoplants, TSM, convocate per la giornata di giovedì 26 Novembre, condivideremo un percorso di mobilitazione che partirа giа da venerdì 27 Novembre” concludono le RR.SS.U. Stabilimento Leonardo Grottaglie.

(leggi tutti gli articoli sul sito Leonardo di Grottaglie https://www.corriereditaranto.it/?s=leonardo&submit=Go)

Condividi:
Share
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)