Porta Napoli, via libera al concorso di progettazione per riqualificare l’area

 

pubblicato il 20 Novembre 2020, 18:24
3 mins

È stato pubblicato sulla piattaforma ConcorsiAWN del Consiglio Nazionale Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori il concorso di progettazione a due gradi intitolato “Riqualificazione dei Paesaggi urbani di Porta Napoli”, organizzato dal Comune di Taranto, dall’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della provincia di Taranto, insieme all’Ordine degli Ingegneri territoriale. Il concorso è cofinanziato dalla Regione Puglia. Lo riferisce una nota di Palazzo di città.
Oggetto del concorso è l’area urbana di Porta Napoli/Croce, identificata storicamente come area portuale e commerciale della città e zona di scambio delle merci e dei traffici, fortemente trasformata nel corso del ‘900 a causa dell’ampliamento del porto mercantile e delle aree ferroviarie e stradali. Caratterizzata dalla presenza della stazione passeggeri e delle infrastrutture ferroviarie che ne condizionano la conformazione, Porta Napoli è punto di snodo strategico per la mobilità in ingresso e in uscita dal capoluogo ionico dal lato occidentale, oltre che elemento cerniera per le relazioni tra la città e l’area portuale in via di trasformazione.
Obiettivo del concorso è chiamare a raccolta le migliori idee e proposte progettuali per la ridefinizione dei margini urbani e dei confini di urbanizzazione di questo storico rione/quartiere, la riprogettazione degli spazi pubblici e della attrezzature collettive che lo contraddistinguono, la riqualificazione degli spazi aperti degradati, la creazione di “green belt” di protezione rispetto alle strade statali e alla ferrovia che lo delineano, la rigenerazione dei tessuti urbani e la riqualificazione delle vie storiche di accesso al centro urbano di Taranto.
Obiettivo fondamentale, inoltre, è anche prevedere la riqualificazione ecologica, paesaggistica e ambientale del waterfront sul primo seno del Mar Piccolo, fortemente antropizzato e contraddistinto dall’insediamento di attività produttive legate storicamente alla cantieristica e alla filiera della maricoltura/pesca».
Tutta la documentazione relativa al concorso è consultabile sul sito https://concorsiawn.it/taranto-porta-napoli/home.
«Stiamo investendo tanto sulla rigenerazione urbana nei quartieri – ha spiegato il sindaco Rinaldo Melucci –, sulla trasformazione e recupero dell’esistente e sull’implementazione infrastrutturale mirata a un diffuso innalzamento della qualità della vita. Questo brano di città rappresenta oggi un’area fortemente sottosviluppata, nonostante la centralità geografica e logistica. Porta Napoli assume, con il rilancio del porto, dell’Isola Madre e delle infrastrutture trasportistiche che stiamo implementando, un valore strategico per il rilancio economico, sociale e culturale della città, configurandosi come luogo ideale per la nascita e sviluppo di nuove imprese smart e culturali».
«Con questo bando di progettazione – ha aggiunto l’assessore all’Urbanistica Ubaldo Occhinegro –, concepito assieme agli ordini professionali, il Comune dimostra come voglia scommettere sulla qualità dell’architettura, volano di nuovo sviluppo e motore propulsivo per gli stakeholder interessati a investire nella nuova visione del territorio che stiamo promuovendo. Il ripensamento di un’area portuale storica così strettamente connessa alla rigenerazione dell’Isola Madre e del quartiere Tamburi rappresenta una sfida progettuale stimolante e affascinante, ma anche una delle più grandi scommesse per la città».

Condividi:
Share
Per comunicati stampa o proposte [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)