Sanità ionica, carenza posti letto: Melucci e Gugliotti scrivono a Emiliano

 

Il sistema potrebbe collassare, specie il SS.Annunziata: da qui la richiesta di coinvolgimento delle strutture private
pubblicato il 17 Novembre 2020, 16:15
2 mins

Il sindaco di Taranto Rinaldo Melucci, in qualità di presidente della Conferenza dei Sindaci Asl, e il presidente della Provincia Giovanni Gugliotti hanno inviato al presidente della Regione Puglia Michele Emiliano una richiesta affinché intervenga sugli operatori sanitari privati del territorio provinciale, perché collaborino con le istituzioni per far fronte all’emergenza sanitaria in atto e per garantire il diritto alla salute di tutti i cittadini ionici.

Caro Presidente,
l’esponenziale aumento dei contagi avvenuto nell’ultimo periodo, sta mettendo a dura prova la tenuta del sistema sanitario provinciale e , le scadenze previste nel piano regionale anti – Covid, rischiano di far saltare la rete sanitaria territoriale a causa della conversione di tutti i nosocomi provinciali in Ospedali Covid.
La rete ospedaliera pubblica esprime solo il 40% dei posti letto presenti nel territorio jonico (comprensivi di un centro oncologico a valenza regionale non trasferibile in nessun’altra struttura per le alte specialità presenti) ed al momento circa 200 sono già destinati a Covid (tra il Moscati di Taranto, il Giannuzzi di Manduria e l’Umberto I di Mottola).
In mancanza di un coinvolgimento delle strutture private accreditate presenti nel capoluogo, solo la riconversione degli Ospedali di Grottaglie, Martina Franca e Castellaneta potrà portarci al raggiungimento dei 414 posti letti richiesti dal piano entro fine novembre ma questo rappresenterà il più grande disservizio che le nostre comunità dovranno subire in un periodo già fortemente problematico. La riconversione di tutti gli ospedali della provincia, causerà, inoltre, l’immediato collasso del SS.Annunziata di Taranto che non riuscirà a reggere il peso della richiesta sanitaria di più di mezzo milione di persone.
Con la presente, quindi, in qualità di autorità sanitarie locali, Ti chiediamo un immediato intervento per la convocazione di tutti gli operatori privati presenti nel capoluogo affinché, responsabilmente, siano al nostro fianco in questa difficile battaglia ed a questi ultimi, così come già avvenuto nelle altre provincie pugliesi, chiediamo un’immediata disponibilità alla collaborazione affinché sia garantito il diritto fondamentale alla salute delle nostre comunità, assicurato territorialmente dalla presenza dei presidi ospedalieri locali”.

Condividi:
Share
Per comunicati stampa o proposte [email protected]

Un Commento a: Sanità ionica, carenza posti letto: Melucci e Gugliotti scrivono a Emiliano

  1. Fra

    Novembre 17th, 2020

    Caro cugliotti abbiamo la sp107 completamente da rifare ,anche oggi con un po’ di pioggia l’acqua non sa dove andare ,lei non so !! C’è una frazione di Taranto che occupa una parte della strada ,ma lei forse non lo sa ,si informi e anche lei sindaco cerchi una soluzione anche per noi ,è un’indecenza ,per non parlare poi della strada comunale via campo freddo,uno stato d’abbandono Unico ,il capolinea buio e in attesa di una pensilina ,lo stop è diventato una foresta non ci sono neanche più le strisce e tra un po’ arriva la seconda rata della tari . Pensate anche a questo ,mi sembra tardi per preoccuparvi in piena emergenza dei malati Covid ,siete i soliti negligenti ,non avete fatto altro che leccare i piedi a Emilio e adesso vi ritrovate senza posti letto per un’emergenza che state gonfiando in maniera esponenziale .

    Rispondi

Commenta

  • (non verrà pubblicata)