Ufficio Cinema: nasce lo sportello comunale per cineoperatori

 

pubblicato il 05 Novembre 2020, 18:56
2 mins

«Lo sportello unico per gli operatori dell’audiovisivo – fa sapere l’assessore allo Sviluppo Economico, Marketing Territoriale e Turismo Fabrizio Manzulli – nasce per agevolare e supportare gli operatori dell’audiovisivo che operano in città. Oltre a offrire informazioni e orientamento, l’Ufficio Cinema rappresenta lo “sportello unico” cui rivolgersi per ottenere permessi, nulla osta e autorizzazioni per quanto concerne la realizzazione di riprese filmate/fotografie nei siti di competenza comunale (immobili, parchi, strade, piazze, aree mercatali, etc..), il blocco totale/intermittente della viabilità, la sosta dei mezzi di produzione, l’accesso ai varchi ZTL o alle aree pedonali, eventuali altre esigenze delle produzioni».

Le procedure sono state semplificate e le istanze di autorizzazione a effettuare le riprese possono essere inviate utilizzando i modelli riportati nella sezione “Modulistica” del sito del comune di Taranto (https://www.comune.taranto.it/index.php/elenco-aree-tematiche/sviluppo-economico-e-marketing-territoriale/2-uncategorised/3092-ufficio-cinema) o allegando una richiesta libera su carta intestata all’email [email protected]

Le istanze devono contenente le seguenti informazioni:
a) breve descrizione del programma/film/corto/videoclip/serie tv;
b) descrizione della dinamica delle riprese;
c) elenco dettagliato delle location;
d) date delle riprese;
e) attrezzatura utilizzata;
f) numero componenti della troupe.

Tutte le richieste per le quali non è presente nessuno dei parametri precedenti possono inoltrare una email a [email protected]

«L’amministrazione Melucci – continua l’assessore Manzulli – crede fortemente nelle possibilità di sviluppo economico e occupazionale, oltre che culturale e turistico, offerte dal cinema e dalla televisione. Quello che chiediamo è di aiutarci a migliorare i nostri servizi e di offrirci dati utili per l’attivazione di nuove politiche e incentivi rivolti alle produzioni del settore audiovisivo, compilando e inoltrandoci il modello di rilevazione investimento».

Condividi:
Share
Per comunicati stampa o proposte [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)