Italcave Statte ferma, in campo la Corim Taranto

 

pubblicato il 31 Ottobre 2020, 13:57
2 mins

Ancora un rinvio, il secondo consecutivo. L’Italcave Real Statte non giocherà a Cagliari, così come non ha giocato col Pelletterie. In entrambi i casi i rinvii non sono dipesi da problematiche interne alle ioniche. Resta il fatto che dopo quasi un mese dall’inizio del campionato, sulla carta, Margarito e compagne hanno giocato solo una gara, in Puglia a Bisceglie. Nessun esordio in casa e nessuna continuità. Nel primo caso, quella col Pelletterie, tutto dipendeva da un caso di positività nelle Lazio. Questa, invece, la motivazione nell’ultimo comunicato. “Con riferimento alla emergenza sanitaria ed alle disposizioni finalizzate al contrasto della diffusione del Virus Covid-19, preso atto della comunicazione della Società Futsal Femminile Cagliari pervenuta il 29 ottobre, relativamente alla possibile positività di alcuni componenti del gruppo squadra, si dispone il rinvio a data da destinarsi della gara del Campionato Nazionale di Serie A Femminile contro l’Italcave Real Statte”.

Le rossoblù continuano ad allenarsi a porte chiuse al PalaCurtivecchi. Una linea, quella ionica, votata esclusivamente al restare concentrate e pensare al futsal giocato, quando ci sarà occasione di poterne parlare. “La salute viene prima di tutto, noi continuiamo ad allenarci ma sappiamo perfettamente che questo è un periodo particolare.Su come potrebbe variare il protocollo e come potrebbe modificarsi l’emergenza epidemiologica lo capiremo nei prossimi giorni. Noi, intanto, continuiamo ad allenarci”.- dchiara coach Tony Marzella

In campo, invece, potrà andarci  Corim Città di Taranto, nel torneo di A/2, contro l’Irpinia Futsal. Ecco le parole di coach Vito Liotino:“Purtroppo non stiamo passando una buona settimana, fino ad ora non abbiamo giocato per via della situazione COVID della Sangiovannese e per la giornata di riposo. Ora che dobbiamo scendere in campo, abbiamo alcune ragazze con problemi fisici, non gravi, ma rischiarle per una gara non ha senso, poi qualcuna sarà comunque convocata.  Sappiamo che il momento è difficile, ma allo stesso tempo finché non diranno di fermarsi per via dei contagi, i quali sono in aumento, dobbiamo rispettare il Campionato con i dovuti protocolli”.

Condividi:
Share
Per comunicati stampa o proposte [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)