Le pagelle del lunedì:Alfageme entra e segna

 

pubblicato il 12 Ottobre 2020, 13:23
4 mins

ll Taranto che vince in trasferta contro la Puteolana è una squadra che piace e che avrebbe ampi margini di miglioramento se trovasse maggiormente la porta. Il mini-ciclo di partite contro avversari differenti (Sorrento, Casarano e Brindisi) da quelli affrontati sinora (Picerno e Bitonto in fase di allestimento, Puteolana squadra piena di ventenni e destinata a lottare per evitare la retrocessione) dirà qualcosa di più vicino alla realtà sulla squadra rossoblù.

Queste le pagelle del match di domenica:

SPOSITO 6: una sola parata durante tutto il match su un tiro da fuori area ma buona. Sulla rete subita non ci sono grosse responsabilità.

BOCCIA 6: più timido rispetto alle precedenti uscite, si occupa prevalentemente della fase difensiva ma azzecca subito il cross giusto nei primi minuti di gara mandando in gol Santarpia. Mezzo voto in meno perchè si fa saltare in velocità dal terzino sinistro avversario nell’occasione dell’1-1.

RIZZO 6: giornata di ordinaria amministrazione anche se sul gol preso non è irreprensibile.

GUASTAMACCHIA 6: al centro non si passa anche perchè non c’è nessuno in grado di impensierirlo seriamente.

CALDORE 6: dalle sue parti il centrocampista offensivo Festa, specie nel primo tempo, è il più vivace della Puteolana. Lo argina con grande mestiere.

LAGZIR 6- : è vero: è discontinuo e un po’ anarchico tatticamente (perde palla sulla trequarti nell’azione del pari dei campani), però è il giocatore più tecnico in campo e quello che si rende più pericoloso. Bella una sua scorribanda con tiro di poco a lato nel primo tempo.

MARSILI 6,5: sui calci da fermo resta determinante. A centrocampo battaglia. Cuore di capitano, sempre.

MATUTE 6,5: tanta sostanza e tanto dinamismo. Come al solito lo ritrovi ovunque. Chi si aspetta ricami da lui, pretende troppo.

SANTARPIA 6,5: under di personalità. Segna il gol del primo vantaggio da punta centrale piazzandosi al centro dell’area di rigore sul bel cross proveniente dalla destra. Il resto del match è fatto anche di sacrificio sulla fascia di competenza.

STRACQUALURSI 5,5: indulgere nei suoi confronti solo perchè è uno straniero ed ha un (tra)passato di livello, significa prendere in giro gli appassionati. E’ alla ricerca della migliore forma, ha bisogno di minutaggio, la, lunga, strada verso migliori prestazioni passa anche attraverso questi test di ambientamento al campo e al campionato. Si trova sulla traiettoria fendente del calcio piazzato di Marsili e sigla il primo fortunoso gol in rossoblù ma nei 68 minuti in cui ha giocato ci ha messo soltanto tanta buona volontà.

SERAFINO 6: Oltre al solito lavoro oscuro per tenere su la squadra, contro la Puteolana va anche al tiro. Un paio di progressioni palla al piede denotano una tecnica di base che lascia ben sperare per il futuro.

MASTROMONACO 6: il suo ingresso in campo nel secondo tempo regala un pizzico di verve in più.

ALFAGEME 6,5:segna il primo gol in rossoblù, sopratutto, fa notare dalle movenze che è il giocatore di attacco attualmente più pericoloso, agevolato probabilmente dal fatto che si è trovato a giocare in ripartenza al momento del suo ingresso, trovando le maglie un po’ più larghe di un avversario alla ricerca del pareggio. Le dichiarazioni post partita testimoniano della sua integrazione totale in questa squadra:“Il gol lo dedico ai compagni, a tutto il gruppo. La cosa più bella è stato l’abbraccio di tutti i compagni, compresi quelli che sono corsi da me dalla panchina. Sono ventidue anni che gioco in Italia, sono il più anziano del gruppo ma loro mi fanno sentire un ragazzino.”

DIABY 6: venti minuti di grande sostanza per questo centrocampista che ha delle caratteristiche fisiche potenzialmente dirompenti.

BA e MARINO S.V.

Condividi:
Share

Commenta

  • (non verrà pubblicata)