“Negli asili vince battaglia delle lavoratrici Slai cobas”

 

Nel nuovo appalto redatto dal Comune aumentate le ore di lavoro e riconosciuta la mansione di ausiliariato per tutte le 82 lavoratrici
pubblicato il 06 Ottobre 2020, 17:30
3 mins

“Dopo anni di lotte, proteste, azioni legali, ultima iniziativa lo stato di agitazione su “a mansione non riconosciuta (quella dell’ausiliariato) lavoro non fatto”, la lotta delle lavoratrici degli asili comunali dello Slai cobas per il sindacato di classe per ottenere l’aumento dell’orario di lavoro (per anni mantenuto a 1 ora e 50 minuti al giorno con una paga miserrima vergognosa) e il riconoscimento contrattuale e retributivo del lavoro di ausiliariato, ha pagato!”. Così la RSA asili Cavaliere Enza dello SLAI Cobas per il sindacato di classe, commenta le novità rispetto a quanto previsto dal nuovo appalto del Comune di Taranto.

“Nel nuovo appalto il Comune ha aumentato l’orario a tre ore al giorno e col nuovo contratto la ditta Servizi Integrati srl riconosce la mansione di ausiliariato per tutte le 82 lavoratrici – commenta la Cavaliere -.  Certo avremmo voluto più ore, ma questo risultato è importante, anche perchè in tutti questo anni solo lo Slai cobas sc si è battuto su queste rivendicazioni”.

“Così come è solo grazie al netto NO dello Slai cobas sc all’assegnazione del nuovo appalto a ditte che avevano presentato ribassi astronomici del 95-99% che poi avrebbero, per recuperare i loro utili, scaricato sulle lavoratrici con tagli di posti di lavoro e salariali, che il Comune è stato costretto ad escludere queste ditte (cosa che invece non è avvenuto in altri appalti dove lo slai coba snon è presente)” prosegue nel comunicato la Rsa asili dello Slai Cobas.

“Ora la battaglia entra in una nuova fase – annuncia la Calabrese -. Vogliamo l’internalizzazione del servizio e quindi dei rapporti di lavoro. Si tratta di un servizio essenziale verso i bambini, strutturale nei servizi pubblici che il Comune deve garantire, per cui non può continuare ad essere affidato a ditte private che hanno come priorità il profitto“.

“Siamo orgogliose di questo risultato anche perchè in tutti questi anni le lavoratrici Slai cobas sc non solo sono state sempre sole a portare avanti i diritti per tutte le lavoratrici, ma hanno dovuto fare i conti con gli ostacoli, i bastoni tra le ruote messi dagli altri sindacati, soprattutto durante gli scioperi – conlcude la Rsa dello Slai Cobas -. E’, quindi, inaccettabile in questi giorni sentire altri sindacati, dalla Cgil all’Usb, appropriarsi di questi risultati, come se fossero frutto di una loro azione, che invece non c’è stata.  Ancora una volta, invece, si dimostra che solo una lotta chiara, determinata, senza compromessi vince“.

(leggi l’articolo https://www.corriereditaranto.it/2020/09/21/appalto-ausiliarato-asili-comunali-slai-cobas-ottiene-revisione-appalto/)

Condividi:
Share
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)