Ex Ilva, Federmanager: “La Babele sullo stabilimento di Taranto”

 

Lungo documento dell'organizzazione di Taranto che fotografa la grande incertezza sul futuro dello stabilimento e avanza però anche proposte
pubblicato il 27 Settembre 2020, 11:00
13 mins

Lungo e critico documento di Federmanager Taranto, a firma di Filippo Catapano, Michele Conte, Biagio De Marzo, Enrico Gibellieri, Roberto Pensa e Pasquale Lenzi, che fotografa la grande incertezza sul futuro dello stabilimento, avanzando però anche proposte per evitare il suo tramonto definitivo.

Attualmente uno dei dossier più importanti e strategici per l’Italia all’attenzione del Governo è proprio quello relativo all’acciaieria ex Ilva di Taranto, gestita da ArcelorMittal Italia. Il Partito Democratico ha presentato di recente (Roma 14 settembre 2020) il documento ‘Taranto Capitale del Green New Deal’ che affronta la questione sempre più grave e drammatica di quello che era il più grande impianto produttivo siderurgico europeo. Il documento del PD, ultimo dei documenti e delle dichiarazioni stravaganti alle quali abbiamo assistito negli ultimi anni, mostra una inadeguata consapevolezza dei processi siderurgici nel mondo, della complessità e durata della trasformazione della siderurgia che elimini il carbonio dal suo ciclo produttivo (Obiettivo 2050) e, persino, della situazione reale della fabbrica di Taranto. Le recenti dichiarazioni dei ministri Gualtieri, Boccia e Provenzano e quelle del presidente della regione Puglia Michele Emiliano, prima, in campagna elettorale e dopo, sono la chiara dimostrazione di come, a fronte del disastro economico e sociale che incombe, vengano “pesate” le enormi criticità della fabbrica, le sue problematiche antiche e quelle sopraggiunte ed aggravate dal commissariamento di Ilva Spa in a.s. e dalla gestione ArcelorMittal Italia. Il modo con cui si sta trattando il problema ex Ilva fa pensare quasi ad una grande operazione di distrazione di massa, per non dire una vera e propria distorsione della realtà, consapevole o meno. È veramente incredibile che dopo 8 anni, dopo un percorso che attraverso la definizione dell’AIA (Autorizzazione Integrata Ambientale), che normalizzava la questione ambientale dello stabilimento regolamentandone i processi, richiedendo limiti emissivi inferiori alle normative europee, adeguando gli impianti alle migliori tecnologie, si voglia ripartire su un percorso totalmente diverso, di elevata complessità, dimenticando lo stabilimento che esiste, che ha avviato ed in molti casi completato i costosi interventi di adeguamento, che è fatto in un certo modo per cui deve produrre acciaio ogni giorno, che deve affrontare la concorrenza internazionale, che dà ogni giorno lavoro a circa 10-12000 persone (compreso l’indotto), che ha alle spalle una città di circa 200mila persone ed una provincia di circa 400mila persone da esso profondamente dipendente. Si vuole illudere la gente (ma fino a quando?) con il progetto dell’ “acciaio green” a breve termine. Questo progetto è un’ottima cosa che va perseguita ed è dovere della siderurgia europea affrontare questo percorso: naturalmente occorrono finanziamenti, esistono rischi industriali e soprattutto necessitano lunghi tempi tecnici per lo studio, la valutazione e per le realizzazioni.
Cerchiamo di stare con i piedi in terra! L’acciaio “green” è un progetto per il quale occorrono decenni, investimenti massicci, ipotesi produttive e di efficienza tutte da dimostrare. E nel frattempo che cosa si fa? Le 12.000 persone le mandiamo a coltivare i mitili o ad accompagnare i turisti nel Borgo Antico? O a preparare gli impianti per i Giochi del Mediterraneo del 2026? Con i progetti europei possiamo lanciarci verso qualsiasi soluzione moderna ed adeguata allo sviluppo tecnologico e di difesa della salute dei cittadini, ma nel frattempo cosa facciamo di questo stabilimento, da domani in avanti? Questa è la risposta mancante ed elusa da tutti. E’ molto facile indicare obiettivi futuristici dimenticando che ogni giorno ci sono 12.000 famiglie che devono vivere e alle quali occorre indicare una prospettiva degna e sicura. La cortina fumogena della “decarbonizzazione” e di preridotto, gas metano, impiego di idrogeno e delle ormai troppe fantasie tecniche che girano sulla fabbrica, serve in realtà, a creare alibi, nebulosità e a giustificare il non procedere, forse a nascondere gravi e drammatiche decisioni quali la chiusura della fabbrica.
In questa vicenda, che oggi vede una fabbrica paralizzata, un indotto in difficoltà e migliaia di persone in cassa integrazione, il Governo resta silente e lavora su ipotesi “green”. In più, va tenuto conto che la gestione di AMI da oltre un anno, per difficoltà economiche, è indotta ad operare per priorità con manodopera ridotta, rinviando attività ed acquisto di ricambi: questo espone la fabbrica ad un progressivo degrado e a potenziali rischi per il personale e per la popolazione in considerazione della particolarità delle produzioni e dei suoi impianti.
Alcune semplici considerazioni realistiche. La principale criticità che sta accompagnando la vita della ex ILVA, oggi AMI, è l’incapacità a fare profitto o meglio l’impossibilità a realizzare i volumi produttivi necessari perché questa azienda possa diventare profittevole. Un’azienda privata non può gestire una fabbrica perdendo considerevoli quantità di denaro. La fabbrica, oggi gestita da AMI, per difficoltà di mercato e per mancanza di cassa, si sta lentamente spegnendo assottigliando i volumi di produzioni e la manodopera! La nostra politica, sia locale che nazionale, richiede anche di effettuare una conversione impiantistica (la fantomatica decarbonizzazione, ad oggi a chi è ben chiara?) che comporterà, oltre ai rilevanti costi di investimento, anche maggiori costi di gestione che non potranno consentire la competitività sui mercati ed il mantenimento dei livelli occupazionali. Esistono tuttora perplessità, anche negli addetti ai lavori, per modalità, fattibilità, tempi e costi: questa visione rende praticamente impossibile reperire un partner privato e lo Stato dovrà farsene carico.
Cosa accade in Europa? Non esistono in Europa stabilimenti siderurgici a ciclo integrale come quello di Taranto che abbiano deciso di fermare gli impianti in attesa della disponibilità delle nuove tecnologie concretizzate in impianti in piena scala affidabili come quelli attualmente in funzione. E’ vero che quasi tutti i maggiori gruppi siderurgici europei hanno avviato sperimentazioni su scala pilota di tecnologie che puntano alla realizzazione degli obiettivi suddetti in un arco di tempo di almeno trent’anni, con ingenti investimenti e disponibilità di energia elettrica da fonti rinnovabili e a costi accessibili. Per restare alla siderurgia, la Commissione Europea, grazie all’azione congiunta di imprese e organizzazioni sindacali europee, ha previsto una serie di strumenti per accompagnare questa enorme trasformazione. In particolare, nel prossimo programma quadro di ricerca e innovazione dell’Unione Europea (Horizon Europe), è prevista la creazione di una PPP (Public-Private-Partnership), un organismo pubblico privato, dotato di fondi pubblici e privati per lo sviluppo e l’applicazione di nuove tecnologie basate sulla progressiva eliminazione del carbonio dal ciclo produttivo e sua sostituzione con altri elementi riducenti quali, ad esempio, l’idrogeno. Anche il Fondo per l’Innovazione (Innovation Fund) sarà disponibile per finanziare la fase di trasferimento dei risultati di ricerca verso la dimensione industriale. Infine, anche il fondo di recupero dell’economia europea dalle conseguenze della pandemia da COVID-19 (Recovery Fund) potrà essere utilizzato dagli Stati membri dell’Unione Europea per accompagnare questo lungo e complicato processo di cambiamento dell’economia. L’impegno della siderurgia europea per la de-carbonizzazione dei processi siderurgici, facendo presenti necessità di finanziamenti, tempi e rischi, sembra sincero, condiviso e per noi condivisibile.
Valutazioni per i “decisori” . Noi sottoscrittori di queste note, siderurgici per alcuni decenni, che conosciamo la fabbrica, abbiamo esposto per tempo le valutazioni che qui riprendiamo e fervidamente sottoponiamo ai “decisori”.
1) L’utilizzo dell’idrogeno per la produzione di acciaio non è una tecnologia praticabile a breve. In base alle attuali conoscenze, essa è solo una strada parallela da percorrere per ridurre, in maniera modesta, l’impiego del carbone in Altoforno.
2) Il progetto della riduzione diretta abbinata all’acciaieria elettrica, che certamente non è una novità, è improponibile per gli elevati costi dell’energia elettrica e del metano.
3) Una azione industriale seria deve essere frutto di una visione realistica della effettiva, critica situazione e deve accelerare il processo del recupero produttivo nel rispetto dei vincoli e parametri ambientali imposti dall’AIA.
4) Sono urgentissimi sia la ridefinizione del rapporto con la multinazionale Mittal e dei piani industriali della controllata AMI, sia il rafforzamento della vigilanza del governo sul rispetto degli accordi e perché non vengano trasferite altrove quote di mercato.
5) È ben noto che, per lo stabilimento di Taranto, una produzione di acciaio inferiore ai 6 milioni di tonnellate/anno, non consentirà mai un bilancio aziendale accettabile e quindi il mantenimento di adeguati livelli occupazionali.
6) L’applicazione al siderurgico di Taranto della VIIAS (Valutazione Integrata di Impatto Ambientale e Sanitario), finalmente rivalutata dal Ministero dell’Ambiente, e della recentissima VIS ISTISAN 19/9 del Ministero della Salute, implementate sui vari assetti dello stabilimento, significherebbe stabilire definitivamente che la sostenibilità ambientale e sanitaria viene prima di quella economica e, in funzione dei loro esiti, farebbe scattare il confronto con un clima di “pacificazione” con la cittadinanza. Si esca, dunque dalle fantasie e si passi ad azioni concrete, altrimenti non sarà possibile tenere in funzione la fabbrica ed il capitolo produzione di acciaio a ciclo integrale sarà definitivamente concluso in Italia.
Come procedere. Riteniamo ragionevolmente necessario procedere per fasi.
1 – La conclusione dei lavori di adeguamento dello stabilimento alle normative che regolano le emissioni derivanti dai processi produttivi e dalla logistica (impatto ambientale di carattere “tradizionale”).
2 – Il ritorno dello stabilimento ad una situazione di normalità produttiva con l’attuale impiantistica, riavviando nel più breve tempo possibile tutti gli impianti fino a raggiungere il massimo livello di produzione possibile con un rischio sanitario accettabile all’esito della VIIAS e della ISTISAN 19/9 e consentito dall’andamento del mercato, con la massima occupazione possibile.
3 – La de-carbonizzazione dei processi produttivi è un obiettivo che riguarda tutti i settori industriali e tutta l’economia come previsto dalla legislazione europea sul cambiamento climatico, aggiornata dal “Green Deal”.
Restiamo fiduciosi che il governo italiano sappia agire efficacemente per accompagnare lo stabilimento di Taranto sul doppio binario del ritorno alla massima produzione possibile e dello sviluppo di nuove tecnologie per la de-carbonizzazione del ciclo siderurgico, in stretto contatto con AMI, organizzazioni, sindacati dei lavoratori, istituzioni locali e cittadinanza, il tutto nella massima trasparenza e mettendo fine ad ogni strumentalizzazione politico/elettoralistica. Non c’è molto tempo per agire. Se non si mette fine al chiacchiericcio inconcludente, e non si prendono rapidamente le decisioni necessarie, lo stabilimento sarà condannato ad una progressiva irrilevanza, unita al trasferimento della sua produzione in altri stabilimenti del gruppo ArcelorMittal, e alla chiusura definitiva, con conseguenze terribili per i lavoratori e per il territorio.”

Condividi:
Share
Per comunicati stampa o proposte [email protected]

3 Commenti a: Ex Ilva, Federmanager: “La Babele sullo stabilimento di Taranto”

  1. Piero

    Settembre 27th, 2020

    Come si fa a non essere d’accordo?

    Rispondi
  2. Gico

    Settembre 27th, 2020

    Forse non abbiamo ancora capito che la siderurgia TARANTINA é giunta a capolinea.MITTAL strategicamente preferisce affossare lo stabilimento recuperando clientela nazionale. Il sistema siderurgico tarantino è ormai antiquato e controproducente maggiormente in quella che sarà la nuova Europa green. Il problema sia a livello locale che nazionale è la totale mancanza di un progetto futuro, alternativo, di reindustrializzazione per l’ area TARANTINA.Timidamente questo Governo sta cercando piccole soluzioni ( Ferretti, il porto, altre piccole aziende ) ma da parte sia locale che regionale e meglio nazionale non esiste alcuna iniziativa per venire ad investire in un area pure a tassazione agevolata : questa è la mera realtà. Il siderurgico vuoi per motivi di mercato vuoi per motivi ambientali non potrà mai più produrre 9 milioni di tonnellate annuì ma nessuno per motivi che ben conosciamo è in grado di offrire un alternativa plausibile per una produzione diversificata.

    Rispondi
  3. Fra

    Settembre 27th, 2020

    Ci lavorano brindisini e baresi”pure” a loro che hanno l’aeroporto possono trovarli un bel posto anche li visto che vendono a defecare nella nostra città e poi si lamentano e pagano le tasse altrove . Poi finitela con il fare i bravi e gli strategici stiamo morendo tutti i giorni ,immaginate cosa stiamo respirando in questi giorni di forte vento ,che voi intellettuali chiamare Wind day . In realtà l’azienda è in mano sbagliate e con un governo di incapaci e il nostro presidente non è all’altezza di gestirci come dovrebbe ,ma ahimè ce lo ritroviamo davanti per mancanza di votanti . Stiamo morendo lentamente,quella azienda è una discarica a cielo aperto ,non raccogliete neanche la spazzatura tanto ve ne frega ,non accendere un faro ,coprite le ingiustizie ,inoltre chi esprime questi pareri è sempre qualcuno che non ha mai messo piede nello stabilimento e pertanto parla solo per partito preso ,entri oggi con questo vento e poi vediamo se il suo inutile pensiero cambia ,taccia piuttosto farebbe più bella figura !!

    Rispondi

Commenta

  • (non verrà pubblicata)