Giornate Europee del Patrimonio: “Imparare divertendosi” al MArTA

 

Arte e tecnologia per tutte le età al MarTA per le Giornate Europee del Patrimonio. Un fine settimana ricco di suoni, informazioni, visite e racconti tra passato, presente e futuro.
pubblicato il 25 Settembre 2020, 18:33
8 mins

Ci sono professioni affascinanti ed a volte misteriose ai più, come quella dell’archeologo che, evitando di scomodare Indiana Jones, lavorano con meno baccano ma sempre animati dalla curiosità della scoperta. La metodologia o magari l’aneddotica che si cela dietro il rinvenimento dei reperti possono stimolare domande agli esperti e al MArTA sarà possibile intervistare proprio coloro che, in genere, sono dietro le quinte delle vetrine espositive. Questa è una delle possibilità di cui i visitatori del museo potranno usufruire nel prossimo fine settimana, infatti sabato 26 e domenica 27 settembre si celebra l’edizione 2020 delle GEP – Giornate Europee del Patrimonio
(European Heritage Days), la più estesa e partecipata manifestazione culturale d’Europa, alla quale aderisce, inevitabilmente il MArTA.

Oggi, in una conferenza stampa è stato illustrato il variegato programma della due giorni alla presenza di Eva Degl’Innocenti, Direttrice del MArTA; Ubaldo Betocchi, MArTA Lab; Elisa Amati, Concessionario Nova Apulia; M° Gabriele Maggi, Direttore dell’Istituto Superiore di Studi Musicali “Giovanni Paisiello” e Anna Consonni.

“Imparare per la vita” è lo slogan scelto dal MiBACT, prendendo spunto da quello proposto dal Consiglio d’Europa “Heritage and Education – Learning for Life”, per richiamare i benefici che derivano dalla esperienza culturale e dalla trasmissione delle conoscenze nella moderna società.

“Lo slogan del MArTA – dichiara la Direttrice del MArTA Eva Degl’Innocenti – per questa edizione delle Giornate Europee del Patrimonio sarà “Imparare divertendosi” per sottolineare il forte valore educativo, didattico e socio-culturale del Museo ma anche la sua funzione di diletto”.

Gli intervenuti hanno specificato le modalità di partecipazione ed il loro apporto, nel solito spirito collaborativo, per cui emerge la volontà di accorciare le distanze tra lo staff del museo ed i visitatori un modo per avvicinarsi alle attività quotidiane museali, per le quali saranno bene accetti i consigli del pubblico. In tutto questo ci sarà l’apporto dei ragazzi che hanno partecipato alle attività di alternanza scuola-lavoro.

Il direttore del Paisiello ha messo l’accento sull’elemento positivo in tempi di Covid, cioè una riflessione sulla vita e con uno spirito di positività e di attenzione alla rinascita delle arti. I ragazzi del conservatorio ormai al MArTA si sentono di casa e questa simbiosi la tendenza è sempre quella verso il miglioramento di ogni risultato relativo ai rapporti.

Grande attenzione bisognerà avere per la fruizione di queste giornate in cui la semi gratuità dell’accesso (1 euro) e le visite tematiche guidate seguiranno una serie di necessari protocolli. E comunque le attività di Nova Apulia procede a spron battuto, puntando anche nella ripresa anche delle visite didattiche delle scolaresche.

Proprio i più giovani, ma non solo loro potranno prendere atto di come l’archeologia sposa perfettamente la tecnologia con i Fablab, il primo laboratorio digitale museale italiano. Si fa quindi didattica proprio costruendo, facendo (certo ora con qualche limitazione) coniugando strumenti della classicità con tecnologia attuale.

Questo il programma nel dettaglio:

Sabato 26 settembre il Museo sarà aperto dalle ore 8.30 alle ore 23.00, con biglietto al costo simbolico di 1 euro nella fascia dalle 20.00 alle 23.00. La prenotazione è obbligatoria sul sito https://buy.novaapulia.it/ingresso-marta.html con il costo di prevendita di solo 1 euro.

Dalle ore 16.00 alle ore 23.00 potrete incontrare nelle sale i Curatori archeologi, l’Architetto e il Personale di accoglienza del Museo per appuntamenti dedicati a tutti: postazioni didattiche in cui si racconteranno curiosità sui giochi e sulle calzature antiche; speciali “Interviste mai viste”, un’occasione imperdibile per fare agli archeologi, ai restauratori e ai tecnici del Museo le vostre domande in merito a una disciplina da sempre affascinante. Non perdete poi Il Museo ieri, oggi, domani, un affascinante viaggio alla scoperta della storia del Museo. Le attività sono comprese nel biglietto d’ingresso del Museo.

Alle ore 20.00 e alle ore 22.00 vi aspettano le visite guidate “I capolavori del MArTA”, a cura del Concessionario Nova Apulia, al costo promozionale di 5 euro + biglietto d’ingresso. Minimo 10 partecipanti.

Alle ore 21.00, sempre a cura di Nova Apulia, appuntamento per i più piccoli, con “Ethra racconta”, al costo promozionale di 5 euro + biglietto d’ingresso.

Come partecipare alle attività organizzate da Nova Apulia:
1) Acquistare i biglietti d’ingresso solo ed esclusivamente on line dal sito https://buy.novaapulia.it/ingressomarta.html, nelle fasce orarie dedicate all’attività;
2) Prenotare l’attività alla seguente e- mail [email protected] o al numero 099-4538639
3) Presentarsi in cassa per il pagamento della quota prevista.

Alle ore 19.00, nel Chiostro, nell’ambito di “Pontos. Il mare che unisce” (una rassegna di eventi artistici legati alla cultura del mare, comunità e identità grazie al progetto FISH & C.H.I.P.S. – Fisheries and Cultural Heritage, Identity, Participated Societies – finanziato dal Programma INTERREG V/A GRECIA – ITALIA 2014/2020) un altro
concerto imperdibile: Nabil Bey e Fabrizio Pie poli in “GHIBLI suoni ed echi dal Mediterraneo”.  Il concerto è sold out.  L’ingresso e l’uscita del pubblico avverrà da Corso Umberto.

Domenica 27 settembre, il museo sarà aperto dalle ore 9.00 alle ore 13.00 e dalle 15.30 alle 19.30, con altri appuntamenti per tutti.
Alle ore 11.30 vi aspettano le visite guidate “I capolavori del MArTA”, a cura del Concessionario Nova Apulia, al costo promozionale di 5 euro + biglietto d’ingresso. Minimo 10 partecipanti.

Dalle ore 16.00 alle ore 20.00 continuano le attività gratuite comprese nel costo del biglietto nelle sale del Museo con i curatori archeologi, l’Architetto e con il Personale di accoglienza del Museo.

Durante le due giornate tutti i visitatori potranno sperimentare la nuova MArTApp, un’applicazione pensata per arricchire la vostra visita al Museo Nazionale Archeologico di Taranto. L’applicazione, curata dal MArTA nei contenuti, è stata progettata e realizzata dal prof. Vito Roberto e da Valeria Bianco (Dipartimento di Informatica-DMIF dell’Università di Udine).

Nelle giornate del 26 e del 27 settembre negli spazi del Chiostro e della hall del Museo si potrà assistere alle performance musicali dei giovani musicisti dell’Istituto Paisiello.

Non perdete inoltre, sabato 26 e domenica 27 settembre i laboratori di artigianato digitale del Fab Lab. Gli appuntamenti saranno attività adatte ad adulti e ragazzi, che consentiranno di approfondire la conoscenza del Museo Archeologico Nazionale di Taranto cimentando si con le nuove tecnologie.

Per saperne di più sugli appuntamenti di MArTA Lab consultate il sito: https://www.martalab.com/open-day.

Tutte le attività didattiche saranno erogate nel massimo rispetto delle misure di prevenzione dal contagio da COVID-19. Per garantire la massima sicurezza e consentire l’accesso ai visitatori all’orario desiderato è obbligatorio acquistare il biglietto online attraverso il sito https://buy.novaapulia.it/ingresso-marta.html con il costo di prevendita di solo 1 euro. Eventuali titoli che danno diritto all’ingresso gratuito o ridotto dovranno essere esibiti alla cassa.

Condividi:
Share
Laureata in Lettere Moderne. Giornalista. Ha partecipato al Corso di Giornalismo dell'Ordine dei Giornalisti di Puglia. 2 figli. Ha lavorato per alcune emittenti televisive locali: Videolevante, Studio 100, Telerama, Jotv, Tele.5 (in qualità di direttore). Ha collaborato con Taranto Sera, Voce del Popolo, Paese Nuovo (allegato de L'Unità), Pigreco, Tarantoggi, Primaveraradio (circuito Popolare Network), Magazine (in qualità di direttore), Edili, Radiocittadella. Ha curato numerosi uffici stampa, tra cui il Comune di Lizzano e l'Associazione Musicale della Magna Grecia, Magna Grecia... il Premio (Provincia di Taranto), Crest, VIALIBERA. Ha condotti programmi televisivi e radiofonici.

Commenta

  • (non verrà pubblicata)