Mobilità, stop ai bus extraurbani in città

 

Lo stabilisce un'ordinanza del sindaco Melucci, operativa dal 28 settembre. Per i passeggeri garantito utilizzo dei bus urbani.
pubblicato il 12 Settembre 2020, 09:59
54 secs

La sperimentazione che riguarderà il divieto di accesso in città, per i bus provenienti dalle direttrici d’ingresso nord-occidentali, è un tassello del piano di rimodulazione della mobilità cittadina pensato dall’amministrazione Melucci.

La misura introdotta con l’ordinanza sindacale 54 dello scorso 9 settembre, efficace dal successivo 28 settembre, mira a limitare la percorrenza di mezzi, spesso tecnologicamente obsoleti, che quasi sempre sostano con i motori accesi nelle strade cittadine aumentando le emissioni a carico dell’ecosistema urbano.

Questa prospettiva, tuttavia, non comporterà particolari difficoltà per l’utenza che ogni giorno raggiunge Taranto tramite bus. Come in molte altre città, infatti, è già previsto e commercializzato un biglietto “integrato” che permette l’utilizzo anche dei bus Kyma Mobilità. La società partecipata del Comune di Taranto, inoltre, ha allo studio ulteriori incentivi all’utilizzo di più mezzi con unico biglietto, che saranno presentati prima del 28 settembre.

Gli orari dei bus extraurbani, poi, non subiranno variazioni: i pendolari si muoveranno dalle località di partenza alla stessa ora e il trasbordo sui bus cittadini, sempre disponibili al terminal, comporterà una minima attesa, se non nulla.

Nelle prossime settimane, inoltre, la disponibilità di mezzi di trasporto alternativi, come monopattini e bici elettriche, amplierà ulteriormente le possibilità di movimento all’interno della cintura urbana.

 

Di seguito il testo dell’ordinanza:

ord._sind._n._54_del_9.9.2020
Condividi:
Share
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)