Leonardo Grottaglie, Sperti (Uilm): “Sul futuro non abbiamo notizie certe”

 

Ieri il primo venerdì di stop alla produzione previsto dal piano aziendale, che ha previsto fermate anche per il 18, 25 e 28 settembre
pubblicato il 12 Settembre 2020, 13:43
2 mins

E’ scattato ieri, 11 settembre, nello stabilimento aeronautico Leonardo di Grottaglie, il primo venerdì di stop alla produzione previsto per il corrente settembre. La sospensione rientra infatti in un piano aziendale che, per effetto del Covid-19 e del suo impatto sul mercato aeronautico, ha già portato lo stabilimento pugliese a fermarsi, con una chiusura collettiva e le ferie di tutto il personale, dal 6 agosto sino a fine mese.

“Per settembre – ha dichiarato all’Agi Davide Sperti della Uilm Leonardo Grottaglie – ci sono tre fermate per altrettanti venerdì, 11, 18 e 25 settembre, ed una per lunedì 28 settembre. Si fermeranno tutti i reparti ad eccezione di uno: i sottogruppi”.

Le fermate del venerdì si agganciano al fine settimana, quando a Leonardo Grottaglie non c’è attività operativa. “Per ottobre – ha dichiarato ancora Sperti – non è stato ancora ufficializzato nulla. C’era un’indicazione di fermata simile insieme ad un’altra chiusura collettiva prima di fine anno. Attendiamo gli sviluppi, ma attendiamo soprattutto di sapere quali sarebbero le nuove linee di produzione cui Leonardo starebbe pensando per sostenere l’attività del sito che, lavorando solo su due sezioni della fusoliera in fibra di carbonio del Boeing 787, è di fatto monocommessa“.

“Durante la sua visita il viceministro al MiSE, Stefano Buffagni – prosegue il sindacalista della Uilm – ha incontrato la dirigenza, si è parlato di queste nuove possibilità. Ma noi non sappiamo nulla, così come nessuno ci ha informato che il vice ministro sarebbe venuto in stabilimento per una visita istituzionale”.

Attualmente il sito di Grottaglie, sta tenendo un passo di produzione di dieci coppie di fusoliera (la centrale e la posteriore centrale) al mese. Nel 2019 erano 14. Per il 2021, il piano – su cui al momento non ci sono state comunicazioni ufficiali da parte dell’azienda – non è ancora definito. Secondo indiscrezioni dovrebbe attestarsi su una produzione di dieci coppie mensili per quasi metà anno per poi scendere a 6 al mese.

(leggi tutti gli articoli sulla Leonardo Grottaglie https://www.corriereditaranto.it/?s=leonardo&submit=Go)

Condividi:
Share
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)