Archeopasseggiata nella Città vecchia. Tra storia e poesie

 

Percorso organizzato per la quarta volta da Nobilissima Taranto
pubblicato il 10 Settembre 2020, 09:28
2 mins

Si chiama archeopasseggiata ed è l’ultimo degli inediti ed affascinanti percorsi culturali ideati da Nobilissima Taranto nella Città Vecchia. Domenica 13 alle ore 18 da piazza Fontana si snoderà questo percorso, ormai alla quarta edizione durante questa estate, che parte dalla visita ai locali della Confraternita dell’Addolorata dove si possono ammirare i meravigliosi resti della cella del tempio dorico sotto San Domenico. Si prosegue lungo via Cava a guardare la linea delle imponenti mura bizantine nella corte Carrieri e sotto il salto di quota. Subito dopo un salto in vicoletto Galeone nella postierla SS.Medici ad ammirare altri resti di mura bizantine. Dopo aver attraversato la corte San Martino e l’arco San Martino prima sosta all’ipogeo di palazzo Spartera dove è previsto il primo reading poetico, a cura di Adriana Capuano che declamerà Clarice dalle Città Invisibili di Italo Calvino. Ritorno in via Duomo con nuova sosta all’ipogeo di palazzo Gennarini dove il soprano Valentina Colleoni, nell’insolita veste, ma non per questo meno brillante, di attrice declamerà “Itaca” e “I tarantini si divertono” di K.Kavafis.

La visita si conclude davanti alle colonne del tempio dorico di piazza Castello e successivamente nei locali del gran caffè di piazza Castello dove sono ubicati i resti del tempio di Afrodite. Guiderà il percorso, dopo che nelle prime due occasioni è stata ospite la nota archeologa Silvia De Vitis, l’esperta guida turistica ed archeologa Elisa Amati, volto noto al Museo Marta. Prenotazioni al cell. 3274557909 .

Condividi:
Share
Per comunicati stampa o proposte [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)