ArcelorMittal, sindacati convocano Consiglio di fabbrica

 

Dopo lo sciopero di venerdì al reparto Pla/2, oggi quello al reparto Laf: altissima l'adesione dei lavoratori
pubblicato il 07 Settembre 2020, 13:13
2 mins

In queste ore è in corso lo sciopero dei lavoratori del reparto Laf, che segue quello del 4 settembre del Pla/2 dove “abbiamo riscontrato una alta adesione alle mobilitazioni indette” si legge in una nota unitaria di Fim, Fiom e Uilm.

“Un chiaro segnale della sofferenza dei lavoratori stanchi di subire tagli al personale, così come accaduto con gli organici tecnologici, la collocazione in cassa integrazione di migliaia di lavoratori e l’assenza di programmazione delle manutenzioni che mettono a serio rischio la sicurezza sul lavoro e che, insieme all’incertezza del futuro dell’ex Ilva, generano una forte preoccupazione” commentano i sindacati metalmeccanici di Taranto.

“In questi mesi abbiamo denunciato al Governo e agli enti ispettivi quanto sta accadendo all’interno della fabbrica ai lavoratori di Arcelor Mittal e dell’appalto e per tali ragioni crediamo sia necessario un cambio di passo nella gestione della vertenza che include anche i lavoratori Ilva in A.S.. Una vertenza complessa che continua, tra omissis e riunioni in stanze chiuse con l’esclusione sistematica dei sindacati, a non dare risposte al territorio sul futuro ambientale e occupazionale” prosegue la nota.

Fim, Fiom e Uilm, pertanto, hanno convocato per il 09/09/2020 alle ore 09,00, il consiglio di fabbrica dei Rsu di Arcelor Mittal e appalto “per dare continuità alle iniziative di mobilitazione intrapresi in questi mesi, non ultimo lo sciopero dei reparti sopracitati. Inoltre, avvieremo un percorso assembleare, nel rispetto del misure anti Covid, per decidere le future azioni di lotta da intraprendere. Il tempo passa inesorabilmente e crediamo sia necessario dare risposte ai tanti lavoratori e cittadini stanchi di subire le angherie e inadempienze della multinazionale”.

Condividi:
Share
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)