Regionale 8, secondo tronco: servirà soggetto esterno

 

A causa della carenza in organico di personale tecnico interno all'ente e la difficoltà di rispettare i tempi di programmazione dei lavori
pubblicato il 22 Agosto 2020, 12:55
7 mins

Il 4° settore Viabilità della Provincia di Taranto, ha prodotto una determina in merito all’affidamento ad un soggetto esterno abilitato dell’incarico della “Progettazione esecutiva e del Coordinamento della sicurezza in fase di progettazione, per la realizzazione della direttrice viaria litoranea interna da Taranto ad Avetrana secondo tronco – dallo svincolo di Talsano-San Donato allo svincolo di Avetrana-Nardo“.

A causa della carenza in organico di personale tecnico interno all’ente e la difficoltà di rispettare i tempi di programmazione dei lavori, “si rende necessario affidare a soggetto esterno abilitato l’incarico per la progettazione esecutiva e per il coordinamento della sicurezza in fase di progettazione dei lavori di cui all’oggetto, direzione dei lavori e coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione, che dovrà essere sviluppato sulla base della progettazione definitiva approvata e delle eventuali prescrizioni di Enti che dovessero essere posti nell’ambito della procedura di valutazione di impatto ambientale (V.I.A.)”.

Pertanto il R.U.P. ha predisposto uno schema di disciplinare di gara ed uno schema di bando, quantificando l’importo stimato per l’esecuzione del servizio in parola, soggetto a ribasso, in €. 4.941.816,66 iva e cap compresi (valutato ai sensi dell’art. 24, comma 8, del D.Lgs. n. 50 del 2016 e del Decreto Ministero della Giustizia 17.06.2016), così ripartiti: 

Descrizione delle prestazioni Importo prestazioni (Euro)
Progettazione esecutiva 1.083.050,23
Direzione dei Lavori 2.550.091,74
Coordinamento della sicurezza in fase di progettazione 373.906,99
Coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione 934.767,70
4.941.816,66

 

La Provincia ha inoltre ritenuto che, ai fini di una più efficace selezione degli operatori economici, “appare opportuno fare ricorso a gara europea a procedura aperta ex art. 59 comma 1 e 60 Decreto Legislativo 18 aprile 2016 n. 50 e s.m.i, in considerazione del fatto che l’art. 35 comma 1 lettera c) del D.Lgs. n. 50/2016 e ss.mm.ii fissa in €. 214.000,00 la soglia di rilevanza comunitaria per gli appalti di Servizi e Forniture”.  

L’appalto è costituito da un unico lotto poiché l’esecuzione del servizio comprende il coordinamento di una pluralità di figure professionali. Il mancato o inefficace coordinamento può condizionare e pregiudicare tutta la procedura dal punto di vista del raggiungimento degli obiettivi tecnici ed economici che si prefigge la stazione appaltante.

Il Contratto principale, comprende la progettazione esecutiva ed il coordinamento della sicurezza in fase di progettazione, mentre i Servizi opzionali, comprendono la Direzione dei Lavori ed il coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione. 

Nella determine si legge inoltre che “questa Amministrazione committente ha la facoltà di non procedere, a sua insindacabile giudizio, nei confronti dell’aggiudicatario definitivo della presente procedura, al successivo affidamento dei servizi opzionali, senza che lo stesso possa esercitare alcuna pretesa a titolo risarcitorio o di indennizzo

La stazione appaltante, ovvero la Provincia, si riserva quindi “la facoltà di recedere unilateralmente dal contratto secondo le modalità ed i termini di cui all’art. 109 del D.Lgs 50/2016, con un preavviso di almeno venti giorni, da comunicarsi all’Appaltatore a mezzo pec”. 

In caso di recesso “l’Aggiudicatario avrà diritto al pagamento di un corrispettivo commisurato all’attività svolta, purchè regolarmente effettuata, comprensiva delle spese sostenute e dovute dalla Stazione Appaltante, rinunciando lo stesso espressamente, ora per allora, a qualsiasi ulteriore eventuale pretesa, anche di natura risarcitoria e a ogni ulteriore compenso, indennizzo e/o rimborso spese, anche in deroga a quanto previsto dall’art. 1671 del C.C.. Il pagamento di quanto previsto sarà effettuato previa presentazione della documentazione giustificativa del servizio prestato e delle spese sostenute”. 

Decisa l’unificazione del finanziamento per la realizzazione di un unico intervento

Infine nella Determina si apprende che la Sezione Infrastrutture per la Mobilità della Regione Puglia, con nota AOO_148/PROT/13/07/2020/0001515, acquisita al protocollo della Provincia (al n. 20330) del 13/07/2020, ha condiviso la proposta della Provincia di Taranto in ordine all’unificazione del finanziamento per la realizzazione di un unico intervento, in virtù dei principi di efficacia, efficienza ed economicità della pubblica amministrazione che a seguito di detta condivisione della Regione Puglia è stato generato il seguente CUP: Strada Litoranea Interna Talsano Avetrana, €. 193.000.000.

Ricordiamo infatti che il 13.04.2017 la Sezione Infrastrutture per la Mobilità della Regione Puglia comunicò alla Provincia di Taranto il finanziamento, nell’ambito del Patto per lo sviluppo della Regione Puglia, con risorse di cui al FSC 2014/2020 dei tre lotti della Strada litoranea interna Talsano- Avetrana, così distinti: 

1) Titolo intervento: Strada litoranea interna Talsano Avetrana. Realizzazione lotto 1 tratta Talsano – Marina di Pulsano con sezione di tipo C – Importo (€) 70.600.000,00; 

2) Titolo intervento: Strada litoranea interna Talsano Avetrana. Realizzazione lotto 2 tratta Marina di Pulsano – rotatoria per Manduria con sezione di tipo C – Importo (€) 51.800.000,00; 

3) Titolo intervento: Strada litoranea interna Talsano Avetrana. Realizzazione lotto 3 tratta da rotatoria per Manduria a svincolo con SP 359 Avetrana – Nardò con sezione tipo C – Importo (€) 70.600.000,00; 

Poi, con Disposizione Presidenziale n. 75 del 28/12/2017 è stato nominato RUP dei suddetti interventi l’arch. Raffaele Marinotti e si è proceduto, per ognuno dei citati interventi, alla individuazione dei seguenti CUP: 

1) Titolo intervento: Strada litoranea interna Talsano Avetrana. Realizzazione lotto 1 tratta Talsano – Marina di Pulsano con sezione di tipo C – CUP: D21B17000080002 – Importo (€) 70.600.000;

2) Titolo intervento: Strada litoranea interna Talsano Avetrana. Realizzazione lotto 2 tratta Marina di Pulsano – rotatoria per Manduria con sezione di tipo C- CUP: D71B17000100002 – Importo (€) 51.800.000; 

3) Titolo intervento: Strada litoranea interna Talsano Avetrana. Realizzazione lotto 3 tratta da rotatoria per Manduria a svincolo con SP 359 Avetrana – Nardò con sezione tipo C – CUP: D51B17000090002 – Importo (€) 70.600.000.

Che adesso invece riguarda l’unificazione del finanziamento per la realizzazione di un unico intervento.

(leggi tutti gli articoli sulla Regionale 8 https://www.corriereditaranto.it/?s=regionale+8&submit=Go)

Condividi:
Share
Gianmario Leone, nato a Taranto il 2/1/1981, laureato in Filosofia, docente di Storia e Filosofia, per 8 anni opinionista del quotidiano "TarantoOggi" nel settore, ambiente, politica, economia, cultura e sport, collaboratore e referente per la Puglia dal 2012 de "Il Manifesto" e del sito "Siderweb", collaboratore dal 2011 al 2015 del sito di informazione ambientale www.inchiostroverde.it. Ha collaborato nel corso degli anni anche con altre testate on line o periodici cartacei come 'Nota Bene' e 'LiberaMente' ed è un'opinionista di "Radio Onda Rossa" e "Radio Onda d'urto". Collabora con Radio Popolare Salento. Dal 2008 al 2012 ha lavorato per l'agenzia di stampa "Italiamedia". Ha contribuito alla realizzazione del lungometraggio 'Buongiorno Taranto' e al docufilm 'The italian dust'. Nel dicembre 2011 ha ottenuto il “Riconoscimento S.o.s. Taranto Chiama”, "per il suo impegno giornaliero d’indagine e approfondimento sui temi ambientali che riguardano la città". Nel febbraio del 2014 invece ha ottenuto il premio dei lettori nel "Premio Michele Frascaro, dedicato al giornalismo d’inchiesta", indetto dalle Manifatture Knos e patrocinato dall’Ordine Nazionale e Regionale dei Giornalisti , attribuito in base al voto on line, per la sua inchiesta sul progetto “Tempa Rossa” (Eni), che racchiudeva gli articoli scritti tra il 2011 e il 2012.

Commenta

  • (non verrà pubblicata)