Il Comune lancia un contest per dare un nome al Campo B dello Iacovone

 

La redazione del corriereditaranto.it suggerisce Renzino Paradiso
pubblicato il 16 Agosto 2020, 10:44
2 mins

L’amministrazione di Taranto lancia un contest per la denominazione ufficiale di quello che, fino ad ora, è stato indicato  semplicemente come “campo B” dello Stadio “E. Iacovone”.

Il “campo B”, a seguito dei sostanziali interventi da parte dell’amministrazione Melucci, ha ormai assunto una sua identità autonoma. Un impianto sportivo polivalente dotato di un nuovo terreno di gioco in sintetico di ultimissima generazione, impianto di illuminazione, tribunetta e spogliatoi.

A scegliere il nome saranno direttamente i tarantini, i quali potranno votare inviando un messaggio alla pagina Facebook “Ecosistema Taranto” con il nome di un rappresentante dello sport tarantino che abbia lasciato un segno indelebile nella storia della nostra città.

Il contest terminerà il 30 settembre, dopodiché il nome più votato sostituirà ufficialmente quello di “campo B”.

«Il “campo B” – dichiara il vicesindaco e assessore allo Sport Fabiano Marti – ha ormai ottenuto l’omologazione ufficiale da parte della FIGC ed è diventato a tutti gli effetti un impianto sportivo indipendente e non più, come è stato per anni, un allegato del “campo A”. E ciò anche in funzione dei Giochi del Mediterraneo 2026, nei quali ricoprirà sicuramente un ruolo importante. È giunto, pertanto, il momento di riconoscergli la dignità che merita. Abbiamo deciso di far scegliere il nome agli amanti dello sport tarantino proprio perché vogliamo che questo impianto sia fortemente identitario, proprio come lo Iacovone. Siamo certi che sapremo onorare la memoria di un grande tarantino, insieme troveremo il nome giusto. A tutti noi la scelta».

La redazione del corriereditaranto.it con in testa il direttore si permette di suggerire un nome. Quello di Renzino Paradiso, tarantino doc,  mediano negli anni ’30, cominciò  la sua carriera  nella Pro Italia e dopo aver giocato in A ed in B con il Bari, concluse  la sua brillante carriera  nella Pro Italia dove giocò ancora dal 1938 al 1940 in serie C. In seguito fu allenatore anche delle giovanili del Taranto. E’ stato per tanti anni il popolarissimo custode dello stadio Salinella.

Condividi:
Share
Per comunicati stampa o proposte [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)