Dipendenti Provincia attaccano sul premio produttività 2019

 

La grave accusa all’ente: "Omissione in atti d’ufficio"
pubblicato il 04 Agosto 2020, 16:43
32 secs

Un centinaio di dipendenti della Provincia di Taranto tornano nuovamente a farsi sentire. Sono gli stessi che circa un anno fa interrogarono l’ente a guida Gugliotti, reo di aver contratto il perimetro delle relazioni sindacali, proprio mentre sulle province italiane si consumava l’incertezza del futuro.

Questa volta il nodo del contendere è la mancata corresponsione del premio di produttività del 2019: un istituto previsto dal Contratto Nazionale che però non si arriva mai a discutere con la Provincia e che quindi rimane privo di un quadro applicativo reale.

Da qui la richiesta di incontro urgente a firma di FP CGIL, FP CISL e UIL FPL al presidente Giovanni Gugliotti e al responsabile della delegazione trattante.

I sindacati di categoria prefigurano addirittura, nella nota inviata lo scorso 31 luglio, il possibile vizio di “omissione in atti d’ufficio”.

Insomma le spettanze sono dovute ma l’ente non agevolerebbe il percorso.

Per tale ragione con la forza del vigente regolamento, le rappresentanze sindacali chiedono all’amministrazione di “diffidare l’organismo indipendente di valutazione, ancorchè revocato, e di completare l’iter procedurale necessario per l’erogazione degli emolumenti”.

Condividi:
Share
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)