Taranto, botte e minacce alla madre: allontanato il figlio

 

pubblicato il 20 Luglio 2020, 15:02
30 secs

Maltrattamenti, comportamenti aggressivi e violenti, ripetuti con cadenza quotidiana ai danni dell’anziana madre. Condotte ricostruite dagli investigatori della Squadra Mobile di Taranto che hanno portato il Giudice per le Indagini Preliminari ad emettere un provvedimento cautelare di allontanamento dalla casa familiare con divieto di avvicinamento ai luoghi abitualmente frequentati dalla persona offesa nei confronti di un tarantino di 37 anni.

Una vita normale fino ai primi problemi sul posto di lavoro. Da quel momento le continue richieste di denaro all’anziana madre, che vive di una modesta pensione. Dieci, venti, cinquanta, cento euro sono le somme che la donna è costretta a consegnare, ogni volta, al figlio e, quando ciò non è possibile, iniziano le ingiurie e i comportamenti violenti che, in un’occasione, hanno provocato alla donna persino una frattura dell’ulna. Una sofferenza che il tempo ha trasformato in paura.

L’intervento dei poliziotti della Squadra Mobile e il minuzioso lavoro di ricostruzione dei numerosi episodi ai danni della vittima hanno consentito di offrire all’Autorità Giudiziaria un quadro indiziario che ha portato alla misura cautelare cui gli stessi hanno poi dato esecuzione.

Condividi:
Share
Per comunicati stampa o proposte [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)