Centri per l’Impiego, i Cobas contesta i bandi

 

"Prima che la Regione Puglia proceda c'è la necessità di reimpiegare nella implementazione occupazionale dei CPI tutti i lavoratori"
pubblicato il 20 Luglio 2020, 19:03
5 mins

I COBAS del Lavoro Privato di Taranto, intervengono in relazione ai bandi di Arpal Puglia per il potenziamento dei Centri per l’Impiego.

“Innanzitutto verifichiamo che, impropriamente circolano bozze di bandi per assunzioni ai fini del potenziamento dei C.P.I., non sappiamo quanto rispondenti al vero. In realtà prima della pubblicazione ufficiale degli stessi bandi, la scrivente vuole evidenziare possibili criticità derivanti dal non aver preso in considerazione suggerimenti rivenienti da pregressi incontri con la sottoscritta O.S., nonché note della stessa. Si tenga in conto che quanto dalla scrivente suggerito è diventato un emendamento, poi stravolto in sede di consiglio regionale, alla Legge Regionale 29/2018 art. 4 comma ” si legge nel comunicato stampa a firma di Salvatore Stasi.

“I suggerimenti di cui sopra riguardavano la necessità di reimpiegare nella implementazione occupazionale dei CPI tutti i lavoratori, senza alcuna forma di impedimento, che mediamente hanno lavorato presso i CPI in tutta la Puglia per circa 18 anni attraverso le società partecipate della varie Province. Si tenga conto che teoricamente questi lavoratori avrebbero dovuto essere di semplice supporto, mentre in realtà sono coloro che hanno tenuto in piedi il servizio e prova ne siano, ad esempio, che avevano le password di accesso alla banca dati della piattaforma Sintesi e regolarmente svolgevano servizio di front-office” prosegue la nota.

“A seguire le partecipate delle varie Province hanno subìto varie peripezie che hanno portato i loro dipendenti o ad essere licenziati (ex Taranto Isolaverde fallita) o ad avere la cassa integrazione in deroga (Santa Teresa ed Alba Service). Come immediata conseguenza sono stati estromessi dai CPI che da quel momento sono andati in crisi quasi irreversibile, come è noto a tutti” ricordano i Cobas del Lavoro Privato.

Sulla base di quanto esposto “la scrivente O.S. ha sentito il dovere di fare proposte operative ed anche immediatamente applicabili che risolvessero contemporaneamente 2 problemi: la funzionalità dei CPI ed il rientro occupazionale dei citati lavoratori. E° di tutta evidenza che il rientro al lavoro di questi lavoratori nei CPI risolverebbe entrambe le problematiche perché non si possono buttare a mare circa venti anni di esperienze su questo servizio, notoriamente molto delicato, che nessun neofita della materia potrebbe svolgere con la stessa perizia – proseguono i Cobas -. Sulla base di quanto esposto la scrivente propose nei vari incontri il rientro immediato nei CPI di chi storicamente aveva svolto il servizio attraverso le partecipate”.

Sugli strumenti normativi attraverso i quali far rientrare questi lavoratori “la scrivente si è resa e si rende disponibile da subito a valutare tutte le opzioni. E se lo strumento individuato è il bando pubblico, è di tutta evidenza che nello stesso va valutato in modo prioritario l’esperienza di questi lavoratori, il front-office, le password per la banca dati Sintesi e il quasi ventennio di servizio. Del resto se tutto ciò non fosse si creerebbe un ulteriore pessimo funzionamento dei CPI, a tale bando potrebbe essere additato di mancanza di totale trasparenza: sarebbe incomprensibile che una Amministrazione Pubblica, che utilizza denaro dei contribuenti, rinunciasse a personale di comprovata e pluriennale esperienze per preferire di fatto neoassunti alle prime armi” affermano ancora i Cobas.

“A riprova della validità delle proposte della scrivente, lo stesso Commissario Straordinario di Arpal Puglia con deliberazione n. 50 del 07/07/2020 ha sottoscritto con la Provincia di Brindisi una convenzione grazie alla quale si utilizzeranno i lavoratori attualmente in cassa integrazione della partecipata Santa Teresa, a colmare i vuoti nei CPI di Brindisi e provincia: questa è la migliore dimostrazione che senza questi lavoratori i CPI non funzioneranno da nessuna parte – concludono i Cobas -. Si fa presente che questo comunicato stampa è stato contestualmente inviato al Ministro Catalfo, al Presidente della Regione Puglia, agli assessori regionali pugliesi e ai consiglieri regionali pugliesi,  che a vario titolo e a vari livelli sono perfettamente a conoscenza di quanto qui esposto. Ciò al fine di evitare un bando che non riconosca i diritti di questi lavoratori, prima iper utilizzati e poi buttati via come stracci, e che possa perpetuare l’inefficienza dei CPI. Pertanto la scrivente chiede a tutti gli esponenti istituzionali in indirizzo di prendere chiara posizione su questa materia”.

Condividi:
Share
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)