Spazioporto: una idea ‘folle’ a Porta Napoli

 

Inaugurato il Cineporto di Taranto, un contenitore di 500 mq quadri che sarà fucina di maestranze, di attori per prossime produzioni filmiche ed attività di cultura e spettacolo
pubblicato il 08 Luglio 2020, 19:28
6 mins

Ci sono voluti tre anni, da un primo incontro tra l’assessore regionale al Turismo Loredana Capone e i vertici dell’associazione Afo6, per arrivare all’odierna cerimonia, con scoprimento della targa del Cineporto di Taranto, a Porta Napoli. Nel frattempo l’associazione ha potuto contare sull’appoggio dell’Apulia Film Commission per la sezione cinematografica del Cinzella Festival e sul loro know how per allestire ed approntare lo Spazioporto tra via Niceforo Foca e via Costantinopoli. Certo non è ancora tutto agibile, ma Taranto si allinea a Bari, Foggia e Lecce e si avvicina a permettere alle produzioni cinematografiche di trovare, previa mediazione del portale dell’Apulia Film Commission, maestranze, professionisti, spazi e pre e post produzione di una qualsiasi film.

Tutto il senso di questa operazione fu oggetto di una conferenza in streaming (di cui ci siamo occupati, leggi: https://www.corriereditaranto.it/2020/05/05/cineporto-in-progress-la-luce-e-la-natura-non-bastano/

Si era in tempi di lockdown ed il progetto si bloccò inevitabilmente a livello pratico, ma si contavano i giorni per l’avvio che, di fatto, ha bisogno ancora di un po’ tempo, ma la macchina organizzativa lavora a pieno regime ed ha preso tutti i contatti affinché dalla teoria si passi alla pratica e si tramuti tutto in una officina e fucina per tutte le maestranze che necessitano per la realizzazione di un film, con corsi per attori e doppiatori, non certo alle prime armi; ad artigiani del trucco e parrucco che possono trasmutare le competenze già acquisite in specialistiche; falegnami, elettricisti, sarte, stuntman, fonici, fotografi e tutta una serie di figure professionali che potranno formarsi per offrire alle case produttrici qualsiasi competenza possa servire.

Il concetto non cambia, si tratta di lavoro, di nuova dignità alla città, di riconversione culturale, la formula magica alla quale le istituzioni si stanno aggrappando, comprendendo finalmente che la strada è solo quella per indirizzare il nuovo sviluppo della città. Anche la presenza di Cesare Veronico di Puglia Sound e del Medimex è il segno che il  percorso vincente è quello della musica e della cultura.  E dando ragione alla caparbietà del progetto di Afo&, costola dei Liberi e Pensanti che del PrimoMaggioTaranto hanno fatto da testa di ariete per scuotere le coscienze, allargando gli orizzonti con il Cinzella Festival, l’itinerario è tracciato, le alleanze pure e le divergenze sono (apparentemente) appianate. Ed i rapporti, si sa, non sono stati sempre tutte rose e fiori.

Intanto oggi, tra le presenze istituzionali di Michele Emiliano, Presidente della Regione Puglia; Loredana Capone, Assessore Industrie Culturali e Turistiche della Regione Puglia; Rinaldo Melucci, sindaco di Taranto, il suo vice in platea, Fabiano Marti ed altre presenze del sistema, come il presidente dell’Autorità di sistema portuale del Mar Ionio, Sergio Prete e l’assessore regionale allo Sviluppo economico Cosimo Borraccino,  le parole d’ordine sono state collaborazione, sistema e comprensione. 

Prima degli interventi odierni, il rispettoso e dovuto omaggio ad Ennio Morricone ed alle sue colonne sonore, con il flauto traverso di Giuseppe Di Gioia e la tastiera di Fabio Barnaba.

A gestire la conversazione Michele Riondino, direttore Artistico Associazione AFO6 Taranto che ha sottolineato i nuovi rapporti con Comune e Regione, ma anche la ferma consapevolezza del rifiuto all’imborghesimento, la stretta collaborazione con l’INAIL, sponsor etico (presente il direttore Giuseppe Gigante), perché la sicurezza dei lavoratori non ha categorie e l’attiva partecipazione dell’Apulia Film Commission, rappresentata dal presidente Simonetta Dellomonaco e dal suo direttore,  Antonio Parente. Intanto le convenzioni sono in fase di allargamento con la Marina Militare, per esempio. Il progetto è di tutta la città e dialogare è fondamentale, sia con i cittadini ospitanti che con tutte le parti operanti sul territorio.

Il Presidente dell’Associazione AFO6, Giovanni Raimondi, si è soffermato sui dati tecnici e logistici della struttura stanziata su un capannone di 500 mq totali, nato negli anni ‘20 come deposito di carrozze e che mira a diventare eco-compatibile con un sistema di pannelli solari.

L’area è dotata di sala riunioni, sala casting, area trucco e parrucco, sala posa, sala broadcasting (web radio e tv) segreteria, magazzino, attrezzeria, sala conferenze, area proiezioni, area ristoro (plastic free, con menu stagionali vegani e vegetariani), area espositiva e sale coworking. Oltre all’assistenza alle produzioni, ci sarà la possibilità di organizzare proiezioni, incontri, presentazioni in grado di rendere vivo lo spazio per tutta la settimana grazie all’Area cinema, concerti e spettacoli attrezzata di un palco, uno spazio di circa 200 mq in grado di raccogliere spettatori in piedi e seduti (con un sistema di sedute removibili) e di offrire un fitto calendario di eventi musicali, teatrali e cinematografici.

Altra nota importante è che si stanno stringendo importanti collaborazioni anche per l’avvio di Laboratori e Residenze Artistiche come la “Palestra per Attori”, formazione gratuita con “Artisti 7607”. L’idea della Palestra nasce dai laboratori annuali di “Artisti 7607” con l’attore Elio Germano ed è alla base dei successivi laboratori di Artisti 7607 con la presenza di tanti attori italiani. Il logo è ideato da Giovanni Straziota.

L’idea è di riempire il contenitore di contenuti. Buon lavoro!

Condividi:
Share
Laureata in Lettere Moderne. Giornalista. Ha partecipato al Corso di Giornalismo dell'Ordine dei Giornalisti di Puglia. 2 figli. Ha lavorato per alcune emittenti televisive locali: Videolevante, Studio 100, Telerama, Jotv, Tele.5 (in qualità di direttore). Ha collaborato con Taranto Sera, Voce del Popolo, Paese Nuovo (allegato de L'Unità), Pigreco, Tarantoggi, Primaveraradio (circuito Popolare Network), Magazine (in qualità di direttore), Edili, Radiocittadella. Ha curato numerosi uffici stampa, tra cui il Comune di Lizzano e l'Associazione Musicale della Magna Grecia, Magna Grecia... il Premio (Provincia di Taranto), Crest, VIALIBERA. Ha condotti programmi televisivi e radiofonici.

Commenta

  • (non verrà pubblicata)