Ex Ilva e siderurgia, Fiom: “Da Conte solo affermazioni di principio”

 

"serve subito tavolo di settore" sostiene Gianni Venturi, segretario nazionale Fiom-Cgil e responsabile siderurgia
pubblicato il 01 Luglio 2020, 21:19
43 secs

“Oggi alla Camera il Premier Conte ha risposto all’interrogazione parlamentare sulle prospettive del settore siderurgico presentata dal Gruppo parlamentare di Leu dopo l’incontro di giovedì scorso con la delegazione della Fiom-Cgil. Il presidente del Consiglio ha riaffermato la funzione strategica della produzione di acciaio e l’intenzione del governo di presentare un piano nazionale della siderurgia entro cui ricondurre la soluzione delle grandi vertenze aperte (ArcelorMittal, Ast, Jsw Piombino), a cominciare dall’ex Ilva e dalla definizione della compagine societaria dopo la decisione di partecipare con l’ingresso di capitale pubblico attraverso Invitalia”. E’ quanto dichiara la Fiom-Cgil nazionale.

“Nessuno immaginava risposte definitive, ma dal Presidente del Consiglio oggi sono arrivate soltanto affermazioni di principio, sia pure condivisibili”,  dichiara Gianni Venturi, segretario nazionale Fiom-Cgil e responsabile siderurgia. “Sembra davvero – continua – di essere protagonisti di una vicenda in cui ogni giorno ci si sveglia e si rivive sempre il giorno precedente. E’ solo un’illusione. In realtà il passare del tempo lavora contro una soluzione delle crisi aperte e contro il diritto dei lavoratori della siderurgia ad avere una prospettiva credibile. Si apra immediatamente un tavolo di settore con il coinvolgimento delle parti sociali. Ogni giorno che passa è una frazione di automonia industriale e strategica dell’Italia che va perduta”.

Condividi:
Share
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)