Le Paoline hanno lasciato Taranto. La libreria affidata a un laico

 

pubblicato il 24 Giugno 2020, 08:11
2 mins

La partenza dell’ultima delle Figlie di San Paolo rimaste a Taranto, suor Maria Ghezzo,(nella foto, la prima a destra) ha sigillato novant’anni di presenza a Taranto della prestigiosa istituzione religiosa fondata da don Alberione. La decisione delle suore di abbandonare la città è stata motivata dall’età alquanto avanzata delle componenti della comunità, che rende difficile condurre un’attività così impegnativa come la storica libreria in corso Umberto, e dalla mancanza di adeguato ricambio, a causa della scarsità di vocazioni. Dopo la santa messa di commiato celebrata dall’arcivescovo a febbraio nel santuario del Santissimo Crocifisso, le religiose avrebbero dovuto partire già agli inizi di marzo, ma hanno dovuto prolungare la permanenza per il sopraggiungere della pandemia di Covid-19.

Taranto deve molto alle Figlie di San Paolo per il contributo alla sua crescita culturale, grazie alla omonima libreria al Borgo, che è sempre stata centro propulsore di attività culturali, attraverso tavole rotonde e incontri con rinomati autori. “La libreria– dice suor Maria Ghezzo, ora a Bologna – è stata sempre aperta a tutti, frequentata, oltre che da sacerdoti e credenti, anche da coloro che in chiesa non ci vanno o che comunque sono in ricerca. E noi siamo state sempre pronti ad accoglierli. Tanti ci hanno chiamato per testimoniare il loro affetto e il dispiacere per questa partenza. Abbiamo particolarmente avvertita questa vicinanza soprattutto durante la ‘quarantena’, grazie alle numerose telefonate giunteci per confortarci e per offrirci un aiuto”.

“Di Taranto – aggiunge – rimpiangerò il calore della sua gente e la spiaggia di Lido Azzurro dove d’estate, nei giorni di chiusura della libreria, io e le consorelle andavamo per fare il bagno e prendere un po’ di sole”.

La libreria Paoline (va ricordato) resterà in attività, con lo stesso logo, gestita da un laico, Donatello Rossini, da diversi anni collaboratore delle religiose.

Condividi:
Share

Commenta

  • (non verrà pubblicata)