Rimpasto di giunta, le critiche di Battista

 

Il consigliere comunale del Gruppo Misto, in una nota congiunta con la collega Corvace, stigmatizza le ultime scelte del sindaco.
pubblicato il 20 Giugno 2020, 22:33
3 mins

Duro comunicato di critica a firma congiunta di Massimo Battista e Rita Corvace, a commento del rimpasto di giunta deciso dal sindaco Rinaldo Melucci:

Il sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci, tra un selfie e un buffet , dopo l’ennesima posa della prima pietra azzera nuovamente la Giunta comunale , nominando una nuova squadra di assessori. Purtroppo le elezioni regionali sono alle porte e i consiglieri comunali di maggioranza, in tanti papabili candidati per un posto in Consiglio regionale, fanno la voce grossa. A distanza di pochi mesi dall’ultimo azzeramento di giunta siamo a quota 11 Assessori sostituti, media niente male in soli 35 mesi, uno ogni 3 mesi. Questa volta a farne le spese sono l’Assessore all’urbanistica Ressa, quello dei video meravigliosa Taranto, e la Cinquepalmi assessore alla Pubblica Istruzione. La domanda che dovrebbero farsi i tarantini ma come si puo parlare di futuro e cambio di rotta in questa città se ogni 4/5 mesi si azzera una Giunta? Come puo crescere una città se la maggior parte della stampa sotto il comando dei propri Editori si accontenta di pochi spiccioli e racconta quello che fa più comodo? Come si può raccontare la verità alla cittadinanza se qualcuno ha deciso di far boicottare chi rompe le uova nel paniere in cambio della solita pubblicità occulta ?

In questi giorni ho riflettuto tanto, il mio silenzio non é causale, nulla succede per caso, gli ultimi avvenimenti accaduti nelle ultime settimane vedi la questione “Amiu” ne sono una riprova, sperando che sia solo l’inizio, infatti ieri è stato nominato Presidente della municipalizzata il segretario provinciale del Pd Mancarelli, mi rendo sempre più conto che il sistema è malato, marcio, come ho sempre fatto per la stima e il rispetto dei tantissimi cittadini che mi hanno votato continuerò la mia battaglia a fari spenti e senza tentennamenti, tenendo alta la guardia. Quando sarà il momento spiegherò pubblicamente, rendendo partecipe la cittadinanza, quella vera che non fa accordi sottobanco…

Altro che seminare la rinascita, sembra di assistere al cambio di casacca di giocatori che cambiano squadra continuamente in base agli ingaggi promessi, quando per il bene e amore per la propria città dovrebbero prevalere gli interessi per la città e non i tornaconti personali.

Condividi:
Share
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)