Comune, una nuova Giunta per Melucci

 

Tre le new entry, fuori Ressa e Cinquepalmi. Restano al sindaco le deleghe su programmazione economico-finanziaria e urbanistica.
pubblicato il 19 Giugno 2020, 18:55
4 mins

«L’Amministrazione comunale si sta progressivamente lasciando alle spalle una positiva gestione dell’emergenza epidemiologica ed ha da poco compiuto il suo giro di boa temporale, con la soddisfazione di aver già realizzato o avviato formalmente la quasi totalità degli obiettivi presenti nel proprio programma elettorale, e tra questi alcuni che segneranno inevitabilmente l’immagine e il futuro della città, nella grande cornice del piano di transizione ecologica, economica ed energetica che è “Ecosistema Taranto”».

Inizia così, “prendendola alla larga”, la nota con la quale il Comune di Taranto annuncia il rimpasto della giunta guidata dal sindaco Rinaldo Melucci.

«In questo scenario e con le finalità così rinnovate – si legge – il Sindaco Rinaldo Melucci ha avuto nelle ultime settimane numerosi confronti con le forze e i gruppi che compongono la attuale maggioranza  di Palazzo di Città, e con essi ha potuto fissare l’agenda politico-istituzionale di questa seconda metà del mandato, ridefinendo ruoli e responsabilità di governo, all’interno di una più generale valutazione dello stato di salute della coalizione».

Con queste motivazioni e in un clima di grande condivisione, in data odierna il primo cittadino ha provveduto a rivisitare gli incarichi della Giunta comunale come di seguito specificato:

  • Fabiano Marti (Cultura, Sport ed Eventi)
  • Ubaldo Occhinegro (Lavori Pubblici, Pianificazione Strategica ed Innovazione)
  • Fabrizio Manzulli (Sviluppo Economico, Turismo e Marketing Territoriale)
  • Francesca Viggiano (Patrimonio, Politiche Abitative ed Urp)
  • Gabriella Ficocelli (Welfare, Politiche Giovanili ed Integrazione)
  • Gianni Cataldino (Polizia Locale, Mobilità e Risorsa Mare)
  • Annalisa Adamo (Ambiente, Legalità e Qualità della Vita)
  • Paolo Castronovi (Affari Generali, Risorse Umane e Società Partecipate)
  • Francesca Portacci (Pubblica Istruzione, Università e Transizione Giusta)

Cosa cambia?

Rispetto alla Giunta precedente sono tre le new entry: Manzulli, Adamo e Portacci. Restano fuori, invece, Ressa e Cinquepalmi, a cui «il Sindaco ha voluto esprimere la sua piena gratitudine» in quanto «hanno egregiamente condotto a termine il lavoro che era stato assegnato loro nella programmazione amministrativa». Ringraziamenti anche per il lavoro da vicesindaco dell’assessore Castronovi, che non sarà confermato nel ruolo. Il sindaco, si legge nella nota, «ha, al momento, trattenuto tutte le funzioni altrimenti espresse nella vigente macrostruttura funzionale, e tra esse quelle importanti riferibili alla programmazione economico-finanziaria ed all’urbanistica. Inoltre, si riserva l’individuazione del nuovo Vicesindaco con apposito distinto decreto».

Il commento di Melucci

«È stato un anno ricco di impegni, spesso assunti con risorse esigue e in mezzo a mille complicazioni burocratiche e di pianta organica, ma i risultati brillanti di queste due personalità indiscusse della nostra comunità non passeranno, sono un patrimonio importante per tutti noi. Se oggi abbiamo finalmente un piano del dimensionamento scolastico, stiamo lanciando un grande piano scuola, se possiamo competere ad alto livello per la capitale italiana della cultura o stiamo recuperando gioielli identitari come Casa Pasiello, solo per citare degli esempi, lo dobbiamo anche a questi Assessori, che senza alcuna frase di circostanza vorremmo facessero ancora parte della nostra squadra, nei tanti frangenti che l’Amministrazione comunale ha da curare da qui ai prossimi anni. La città è anche grata dello stile e della disponibilità offerta da Paolo Castronovi in un ruolo affatto agevole, rimettiamoci tutti con entusiasmo a lavoro».

Condividi:
Share
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)