Il MiSE chiama i sindacati. E Patuanelli cambia ancora idea

 

Video call martedì 9 sul nuovo piano industriale. Il ministro: "Vogliamo impianto all'avanguardia a Taranto, vediamo se lo vuole anche ArcelorMittal"
pubblicato il 07 Giugno 2020, 12:26
2 mins

I sindacati metalmeccanici sono stati convocati dal MiSE in video call martedì 9 giugno a partire dalle ore 10, per discutere del nuovo piano industriale 2020-2025 presentato venerdì da ArcelorMittal, sul futuro produttivo ed il perimetro occupazionale per i prossimi 5 anni disegnato dalla multinazionale dell’acciaio.

(leggi l’articolo https://www.corriereditaranto.it/2020/06/06/ex-ilva-i-sindacati-pronti-a-tutto-per-impedire-i-licenziamenti/)

Nel frattempo il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, intervistato ieri dal Tg1 nell’edizione della sera, ha nuovamente cambiato idea e modalità di approccio alla vicenda ex Ilva.

Nella prima parte dell’intervista ha ripetuto gli stessi concetti delle ultime ore: “Il piano che Mittal ha presentato non riflette le volontà del Governo per Taranto e non rispecchia neppure l’accordo del 4 marzo: da settembre Mittal ha detto che prima c’è un problema per l’acciaio in generale e poi ha usato la scusa dello scudo penale – continua Patuanelli- e oggi invece dice che il Covid-19 avrà un effetto per ben tre anni sul mercato dell’acciaio”. 

“Io credo che invece bisogna ripartire dall’accordo del 4 marzo e continuare su quella strada – aggiunge poi Patuanelli -. Coniugare ambiente e lavoro a Taranto è il programma di Governo e questo governo lo vuole attuare – aggiunge il ministro-. Riteniamo che sia compatibile e pensabile un impianto moderno, nuovo e all’avanguardia che diventi il fiore all’occhiello d’Europa per la produzione d’acciaio a ciclo integrato. Noi ci crediamo, vogliamo capire anche la controparte se ci crede“. 

Dunque, dal ‘ci vediamo in tribunale‘ al ‘se vogliono andare via dall’Italia, se ne vadano‘, adesso siamo al voler “capire se la controparte crede ancora nel progetto previsto dall’accordo del 4 marzo”.

“Parlare di acciaio in Italia non è soltanto Taranto, c’è una filiera dell’acciaio importante che dà lavoro all’indotto ed è una filiera fondamentale per i nostri sistemi produttivi. Il Governo sta pensando a come accompagnare filiera in un momento di difficoltà, pensiamo a Taranto, a Terni, a Piombino, Genova e all’acciaierie del Nor. Su tutto questo il governo sta lavorando a un piano nazionale per l’acciaio” ha concluso il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli.

(leggi l’articolo https://www.corriereditaranto.it/2020/06/06/ex-ilva-le-carte-di-arcelormittal-e-il-governo-silente/)

Condividi:
Share
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

Un Commento a: Il MiSE chiama i sindacati. E Patuanelli cambia ancora idea

  1. Fra

    Giugno 7th, 2020

    Caro ministro lei la sa lunga ,a quanto pare,inoltre le ripetiamo che dovete svegliarvi . Capisco che quando si tratta di affrontare il dossier Taranto ,la soluzione è sempre la più scadente e finisce sempre con ok va bene si può fare ,si farà ,poi poi e ancora poi . Ormai per noi vivere nell’incertezza è l’unica sicurezza che abbiamo se avremo la fortuna di campare , ma sicuramente state pregando la nostra morte . Il movimento aveva promesso tante novità ,tante battaglie ,cambiamenti ,abbattimento della burocrazia e tante altre bugie ,adesso che scaldate i banchi e anche le vostre natiche si sono ingrassate sparate cazzate a non finire senza mai arrivare al punto della questione , in nome della fiducia che molti italiani hanno riposto in voi ,fatevi da parte e dimettetevi finché siete in tempo ,o la bufera vi travolgerà e vi spazzerà via insieme ai vostri alleati di governo che ormai da decenni occupano i primi banchi in parlamento in maniera assolutamente abusiva . Se avete ancora del sale in zucca cercate di sparire e lasciate il paese in mano a persone che hanno delle idee che funzionano invece di blaterare sterili promesse giusto per attirare il nostro interesse verso un movimento che ha tradito la nostra fiducia ,fatevi assumere come zappatori dalla ministra dal pianto di coccodrillo e forse capirete cosa significhi il sacrificio e magari poi ne riparleremo . Siete la più grande delusione che abbia mai visto in tutti questi anni ed io che credevo che foste I migliori . Grazie a voi sono più che convinto che i soldi cambierebbero anche il più onesto dei cittadini ,provare un po’ di vergogna almeno e sparite per sempre voi grillo e tutti i filibustieri.

    Rispondi

Commenta

  • (non verrà pubblicata)