ArcelorMittal, Battista: “Unica strada l’Accordo di programma”

 

pubblicato il 06 Giugno 2020, 16:40
3 mins

Il consigliere comunale Massimo Battista critica duramente quel che accade nella vicenda ArcelorMittal. E soprattutto rilancia l’idea di un Accordo di programma. Ecco il suo intervento.

Nonostante l’emergenza covid a Taranto continua lo spettacolo squallido offerto dai soliti attori, Governo, Mittal e parti sociali. Qualcuno lo definiva “Il miglior accordo possibile nelle peggiori condizioni”, altri invece definivano Mittal un imprenditore serio e chi invece affermava che l’Ilva fosse un gioiello. Dagli ex Ministri dello Sviluppo Economico Di Maio e Calenda passando per i vari sindacalisti si sono sprecati fiumi di encomi per i nuovi “padroni”. Nessuno resterà senza lavoro, con i lavori A.I.A che dovevano essere conclusi nel 2015 prima e con il nuovo Dpcm, del 29 settembre, nel 2023. Oggi Arcelor Mittal annuncia il nuovo piano industriale, queste le richieste del colosso francoindiano: un miliardo di euro per far entrare lo Stato nel capitale sociale, 200 milioni di euro a fondo perduto come bonus Covid, 600 milioni di euro come prestito garantito dalla Sace. Questo garantendo la costruzione di un solo forno elettrico tra 4 anni. Sul piano occupazionale vorrebbero passare entro il 2020 da 10.700 dipendenti a 7.500 con 3200 esuberi a cui vanno aggiunti i 1600 in forza a Ilva in As, sbattendo fuori subito 3300 persone. Se si considera che la situazione ambientale non è per niente migliorata e che ora ci saranno altre famiglie che dovranno fare i conti con la retribuzione ridotta e che i malati continuano ad aumentare nel nostro territorio, possiamo affermare che questo l’accordo del 6 settembre 2018 è stato un fallimento totale. Lo abbiamo detto in tutte le salse, ma una politica sorda coadiuvata da sindacati che hanno pensato solo a non perdere tessere hanno preferito far finta di niente. L’unica strada possibile è l’Accordo di programma cosi come é avvenuto a Genova e Trieste, nessun tavolo deve più esistere se le parole chiave non saranno chiusura immediata, smantellamento, bonifiche, decontaminazione dei terreni inquinanti con le maestranze adeguatamente formate, incentivo all’esodo e beneficio amianto per i lavoratori. Un futuro diverso per Taranto sarà possibile solo con l’unione di tutti, cittadini e lavoratori sotto un unica bandiera, TARANTO LIBERA. Mittal con un Governo serio sarebbe stato cacciato a calci in culo, una Procura seria avrebbe già arrestato questi personaggi per truffa, ma siccome siamo nel paese dei balocchi, Taranto continua a pagare un prezzo altissimo per le nefandezze di una politica scellerata e inadeguata”.

Condividi:
Share
Per comunicati stampa o proposte [email protected]

2 Commenti a: ArcelorMittal, Battista: “Unica strada l’Accordo di programma”

  1. Fra

    Giugno 6th, 2020

    Il governo dei balocchi purtroppo ,fino a quando non avremo il diritto di scegliere i nostri candidati sarà sempre così . La patata diventa sempre più bollente a quanto pare ,l’avvocato del popolo chissà chi difenderà ,il tanto acclamato di maio a chi sosterrà questa volta ,e il mitico Salvini cosa avrebbe fatto ? Siamo nelle mani della sventura a quanto pare ,il trio che tanto abbiamo sostenuto cosa farà adesso ? Comunque non possiamo assolutamente fare affidamento agli ammortizzatori sociali per sempre e neanche mi pare la soluzione più facile ,cerchiamo un compresso più esaustivo piuttosto,oppure è giusto chiudere con le clausole suddette ,non credo che l’azienda cambi idea a quanto pare . A questo punto non rimane altro che manifestare il dissenso più assoluto , Ma quando ci sarà un po’ di pace in questa benedetta città ,quando si respirerà un po’ d’aria nuova e di sana tranquillità .

    Rispondi
  2. Egidio

    Giugno 7th, 2020

    Analisi più che giusta, chiusura immediata.

    Rispondi

Commenta

  • (non verrà pubblicata)