Rapinato della pensione a colpi di nunchaku: arresto lampo

 

pubblicato il 01 Giugno 2020, 11:29
19 secs

Nelle prime ore di questa mattina quando gli agenti della Squadra Volante di Taranto sono intervenuti in via Leonida dove era stata segnalata una persona aggredita in gravi condizioni. I poliziotti trovano infatti un uomo riverso per terra privo di sensi con copiose perdite di sangue dalla testa.
La vittima, nonostante i colpi ricevuti, lucidamente racconta agli agenti che, mentre era per terra a causa dei colpi subiti, l’aggressore si era impossessato della pensione custodita nel borsello, di circa a 900 euro.
Fondamentali sono risultate le indicazioni sull’aggressore che, in breve tempo, è stato identificato dai poliziotti, il ritmo incalzante dell’attività consente di chiudere le ricerche poche ore dopo, quando l’aggressore viene bloccato mentre sta rientrando a casa.
Nell’abitazione, i poliziotti hanno trovato l’arma dell’aggressione, ovvero dei “nunchaku”, utilizzati in alcune discipline marziali orientali. Recuperati anche i 900 euro rapinati poco prima. L’aggressore, un pregiudicato tarantino di 55 anni, è stato arrestato per rapina aggravata e, dopo le formalità di rito, condotto in carcere.

Condividi:
Share
Per comunicati stampa o proposte [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)