“Fase 2”, multe per chi non rispetta il distanziamento sociale nei locali

 

Il Comune annuncia una stretta contro chi proprio non capisce. E ricorda che ci sono multe da 400 a 3.000 euro...
pubblicato il 23 Maggio 2020, 11:08
12 secs

L’assembramento è il nemico numero uno di questa “fase 2”. Lo ribadisce, in una nota, l’assessore alla Polizia Locale Gianni Cataldino.

«Come in tutte le città d’Italia – scrive Cataldino – si sono registrate nei locali pubblici situazioni pericolose dal punto di vista del contagio e venerdì mattina ho partecipato a una videoconferenza organizzata dal  Questore di Taranto, anche in ragione di una comunicazione del Ministero dell’Interno».

«La cosiddetta “movida” non è consentita e le sanzioni per i clienti che non osserveranno le norme sul distanziamento sociale vanno da 400 a 3.000 euro, cui si aggiunge per i gestori la possibile chiusura dell’esercizio fino a 30 giorni, comminata dal Prefetto».

«Non vogliamo spegnere la voglia di libertà dei cittadini, ma tutti devono comprendere che vanno cambiati comportamenti e abitudini per equilibrarli con l’esigenza di distanziamento. Tornerà il tempo per poter stare vicini senza problemi: più rispettiamo le regole, prima avverrà».

Condividi:
Share
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

Un Commento a: “Fase 2”, multe per chi non rispetta il distanziamento sociale nei locali

  1. Fra

    Maggio 23rd, 2020

    Se lo stato pagasse era meglio che rimanevano chiusi così non rompevate le scatole ,pensate a punire gli sporcaccioni piuttosto, Taranto sembra Asta mobili ed eminflex ,tra materassi a molla e mobili di ogni genere e mozziconi vari ,Lo schifo regna sovrano ,altro che blue economy ,dark economy ,tra rifiuti di tutta la Puglia associato a quelli della Calabria con l’aria che tira chissà quale altra malattia prenderemo . Non fate che sequestrare ,minacciare e fare gli sceriffi ,ma riuscite a capire che fa caldo e che siamo stati chiusi in casa tre mesi senza alcun preavviso ? Inoltre i commercianti stanno fallendo ,molti non sono riusciti ad aprire ,Taranto già vaga negli abissi adesso vi mettete a fare da sentinelle e distruggere ancora di più questa città così vuota e priva di contenuti .

    Rispondi

Commenta

  • (non verrà pubblicata)