Rifiuti, la Regione autorizza arrivo indifferenziato dalla Calabria

 

L'ok dall'odierna riunione della Giunta regionale. Inoltre dettate linee guida per tributo speciale per deposito in discarica ed impianti di incenerimento senza recupero energetico
pubblicato il 19 Maggio 2020, 19:36
4 mins

La Giunta regionale, riunita oggi in seduta ordinaria, ha discusso e approvato una serie di provvedimenti, in particolar modo nel campo della gestione dei rifiuti.

Linee guida per la determinazione del tributo speciale per il deposito in discarica ed impianti di incenerimento senza recupero energetico –  La Giunta  regionale ha meglio specificato che “il riconoscimento della riduzione prevista dall’art. 3, c. 40, della L. n. 549/1995, in favore di tutti i Comuni della Regione Puglia a partire dall’anno 2020, presuppone necessariamente “che il rifiuto sia conferito presso impianti di selezione automatica i quali effettuino trattamenti preordinati allo smaltimento, ma che consentano, sia pure come conseguenza secondaria, il recupero di sostanze o di energia, riducendo la frazione destinata alla discarica”, come chiarito dal Consiglio di Stato nella sentenza n. 276 del 13 gennaio 2020.

Inoltre, l’Esecutivo ha  chiarito che “la determinazione del tributo speciale non è soggetta alla sola riduzione prevista dall’art. 3, c. 40, della L. n. 549/1995 ma anche alle riduzioni ed alle addizionali previste dall’art. 205, cc. 3 e 3-bis del D.Lgs. n. 152/2006, con la conseguenza che la misura ridotta ai sensi della succitata norma tributaria, indicata nella D.G.R. n. 155 del 17.02.2020 in € 5,164 per tonnellata di rifiuti conferiti in discarica o presso impianti di smaltimento senza recupero di energia, non debba essere considerata come definitiva ma come riduzione al 20% dell’importo ordinario fissato in € 25,82 (25,82 – 80% =5,164), restando impregiudicata l’applicazione delle riduzioni e/o dell’addizionale previste dalla normativa ambientale ai sensi dell’art. 205 del D.lgs. n. 152/2006”.

Ancora, la Giunta ha, con la stessa  deliberazione, riconosciuto che “a partire dall’anno 2020 e per i successivi anni, la riduzione del tributo nella misura del 20 per cento ai sensi dell’art. 3, comma 40, della legge n. 549 del 1995 per i rifiuti smaltiti tal quali in impianti di incenerimento senza recupero di energia, per gli scarti ed i sovvalli di impianti di selezione automatica, riciclaggio e compostaggio, nonchè per i fanghi anche palabili, in favore dei gestori degli impianti complessi che, in base alla tipologia delle operazioni cui sottopongono il rifiuto urbano indifferenziato, effettuino trattamenti preordinati allo smaltimento, ma che consentano, come conseguenza secondaria, il recupero di sostanze o di energia, riducendo la frazione destinata alla discarica”, come chiarito dal Consiglio di Stato nella sentenza n. 276 del 13 gennaio 2020.

Inoltre, a partire dall’anno 2020 e per i successivi anni, “l’importo del tributo speciale per il deposito in discarica dei rifiuti solidi urbani modulandolo sulla base della percentuale di raccolta differenziata raggiunta dai comuni, in conformità a quanto stabilito dalle norme nazionali e regionali richiamate in narrativa [art. 205, cc. 3 e 3-bis, T.U. Ambiente, art. 5 L.R. n. 8/2018 e art. 104 della Legge Regionale n. 67/2018], e recepito dalla legge regionale n. 8/2018, ferma restando, ove applicabile, la previa riduzione prevista dall’art. 3, c. 40, della L. n. 549/1995, in base a quanto stabilito nel punto precedente”.

La Giunta regionale ha inoltre deciso di “consentire, per gli effetti dell’art. 182 comma 3 del D.Lgs. 152/06 e ss.mm.ii., alla Regione Calabria l’invio dei rifiuti indifferenziati aventi codice EER 200301 agli impianti di trattamento meccanico biologico operanti sul territorio regionale pugliese e aventi capacità di trattamento residue (nell’ambito delle capacità autorizzate), evitando al contempo l’insorgere di situazioni di emergenza nella gestione dei rifiuti prodotti dalla Regione Puglia”.

L’Esecutivo ha di assicurato il richiesto supporto alla Regione Calabria fino al 30.06.2020, per i quantitativi ed i destini che saranno definiti da AGER in considerazione della capacità impiantistica residua degli impianti di trattamento meccanico-biologico in esercizio sul territorio regionale.

Condividi:
Share
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

Un Commento a: Rifiuti, la Regione autorizza arrivo indifferenziato dalla Calabria

  1. Fra

    Maggio 20th, 2020

    Ecco il mandato di Emiliano a Taranto,rifiuti rifiuti e rifiuti ,ma mi faccia il piacere /….,

    Rispondi

Commenta

  • (non verrà pubblicata)