Emergenza, il Comune vara misure economiche

 

Quattro milioni di euro si aggiungono ai quattro già erogati o appostati. Vari gli ambiti di intervento, dalle esenzioni per gli esercizi commerciali agli aiuti alle famiglie.
pubblicato il 12 Maggio 2020, 19:00
7 mins

Arriva con una delibera di Giunta, votata all’unanimità, il «Pacchetto locale di misure per la ripartenza socio-economica del sistema Taranto». Si tratta di circa quattro milioni di euro, che vanno ad aggiungersi agli altrettanti milioni già spesi o impegnati, come ricorda la nota diramata da Palazzo di Città, per i buoni spesa alimentare, i contributi sugli affitti, il bilancio partecipativo e la proroga delle concessioni balneari.

Il pacchetto di misure spazia su ambiti di intervento molto variegati. Vediamoli in sintesi

Servizi sociali, vari i contributi da erogare

Nel campo dei servizi sociali, la delibera prevede che siano destinati:

  • € 216.254,90 per contributi straordinari a famiglie disagiate
  • € 100.000,00 a contributi a persone e/o associazioni per
    • ripresa e incentivazione alla pratica sportiva in favore di categorie svantaggiate
    • organizzazione di spettacoli ed eventi
    • acquisto di apparecchiature informatiche
  • € 50.000,00 all’acquisizione di materiale informatico da concedere in comodato d’uso a famiglie a basso reddito
  • € 50.000,00 all’acquisto di generi alimentari e beni di prima necessità il valore di ogni pacco spesa dovrà essere pari a € 30,00
  • € 10.000,00 alle mense per i poveri
  • € 40.000,00 al Banco Alimentare
  • € 100.000,00 da distribuire ai nuclei familiari (€ 300,00 per nucleo familiare) in cui lavora la figura materna, con minorenni in età scolare, e ISEE non superiore ad € 15.000,00
  • € 5.000,00 per finanziare associazioni di volontariato per i servizi di sostegno psicologico a distanza
  • € 5.000,00 da assegnare ai volontari che presidiano gli alloggi di emergenza

Attività produttive, rilancio del turismo ed esenzioni dai tributi

Per «realizzare il rilancio turistico del territorio» e «incentivare la ripresa delle attività di somministrazione e di ristorazione su spazi ed aree pubbliche […] verrà consentita l’estensione delle attività su spazi ed aree pubbliche sin dalla data di presentazione della relativa richiesta, fatta salva ogni verifica da parte delle competenti direzioni, entro i successivi 30gg».

Diverse anche le agevolazioni fiscali previste per determinate categorie e a determinate condizioni. Nello specifico:

  • azzeramento della quota comunale dell’aliquota IMU, pari allo 0,3%, per gli immobili di categoria D in cui si attivino nuove imprese, ovvero si trasferiscano nel territorio comunale imprese già operanti in altre sedi che, contestualmente assumano almeno un dipendente con contratto a tempo pieno e indeterminato
  • azzeramento dell’aliquota IMU per gli immobili di categoria C, siti in Città Vecchia, in cui si insedino nuove attività economiche anche già operanti in altre sedi
  • riduzione dell’aliquota IMU del 50% per gli immobili di categoria C, a condizione che si attivino nuove attività economiche anche già operanti in altre sedi che, contestualmente assumano almeno un dipendente a tempo pieno e indeterminato;
  • concessione, nel rispetto dei vincoli normativi, di ulteriori superfici di suolo pubblico al fine di ridurre il disagio e le perdite economiche derivanti dalle misure relative al distanziamento sociale

A queste misure si aggiunge un budget di un milione e 158 mila euro da assegnare agli artigiani, commercianti e piccole imprese oggetto di “fermo” nel periodo dell’emergenza sanitaria. I criteri di assegnazione e le modalità di erogazione, si legge nella delibera, saranno oggetto di apposito accordo con le associazioni di categoria.

Sarà predisposta dalla Direzione Programmazione Economico Finanziaria, poi, una variazione al bilancio di previsione, per dedicare un milione di euro, a titolo di anticipazione sulle somme assegnate dallo Stato alle piccole imprese e non ancora erogate.

Si valuta anche, infine, l’istituzione di una tassa di soggiorno per sostenere il settore turistico ricettivo.

Dispositivi di Protezione Individuale per famiglie e dipendenti

La delibera prevede anche di destinare € 50.000 all’acquisto di DPI per i dipendenti comunali, ma non solo. Si dà mandato al Dirigente della Direzione Lavori Pubblici di acquistare entro 15 giorni i DPI necessari, da fornire a tutti i nuclei famigliari presenti sul territorio comunale assegnando una disponibilità finanziaria complessiva di € 150.000.

Un milione per la scuola digitale

Fra le voci di spesa previste dalla delibera figura anche un fondo di un milione di euro, da attivare a mezzo mutuo, per dotare le scuole della strumentazione informatica necessaria al fine di potenziare le attività didattiche “a distanza”.

Il commento di Melucci: «Orgogliosi, lavoro fatto a tempo di record. Ascoltato tutti»

«Siamo molto orgogliosi del lavoro fatto a tempo di record – ha dichiarato il primo cittadino ionico – crediamo che non ci sia una sola categoria di cittadini o operatori che non sia stata ascoltata e che non riceverà aiuto in questa fase. E siamo anche disponibili ad ulteriori iniziative per la tenuta della nostra comunità. Siamo preoccupati per i ritardi e la confusione dei provvedimenti di Governo, ma per quanto nelle competenze e nelle capacità del Comune si è fatto di tutto per consentire a Taranto di ripartire con un po’ di fiducia. Insieme ce la faremo, non molliamo adesso».

«In allegato alla Delibera di Giunta – si sottolinea da Palazzo di Città – è stato anche presentato il piano per la “smart city”, nell’ottica della sburocratizzazione e della digitalizzazione dei servizi della Pubblica Amministrazione e delle Società Partecipate. Tra le misure più significative si segnala l’istituzione in via sperimentale della ZTL nel centro storico, accompagnata da incentivi ad una mobilità più sostenibile».

 

Di seguito le slide riepilogative dei provvedimenti presi sinora con questa e altre delibere, il video-commento del sindaco e, in fondo, il testo integrale della delibera per chi volesse approfondire.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Delibera_Albo_Pretorio_42000
Condividi:
Share

Commenta

  • (non verrà pubblicata)