Sogno Medimex: i Rolling Stones sulla Rotonda

 

Il patron del Medimex, Cesare Veronico, era entrato in contatto con l'entourage di Mick Jagger. Il festival di musica internazionale, che si sarebbe dovuto svolgere a Taranto dal 22 al 26 aprile, avrebbe ospitato i Bauhaus ed i Pretenders
pubblicato il 27 Aprile 2020, 21:38
4 mins

Una diretta facebook tra uno degli organizzatori del Cinzella Festival, Gianni Raimondi ed il direttore del Medimex, Cesare Veronico, ha regalato, si fa per dire, una grossa “rosicata” agli appassionati di musica internazionale che proprio nei giorni scorsi, certamente, avrebbero voluto affollare la Rotonda del Lungomare di Taranto per l’edizione numero dieci del Medimex (prevista dal 22 al 26 aprile). Invece, purtroppo, la pandemia da Covid 19, che ha colpito in particolar modo la nostra penisola, ha sancito l’annullamento dell’evento.

Veronico ha svelato quelli che sarebbero stati gli headliner dell’edizione 2020, che aveva come filo conduttore gli anni ottanta: dal punk alla new wave. Si è trattata di una vera pugnalata al cuore per i waver più sensibili perché era stata messa a segno una doppietta niente male e tutta in esclusiva, l’una italiana e l’altra europea: i Bauhaus, riuniti assieme dopo 12 anni (a Taranto nello storico concerto del primo maggio del 1982 al Tursport) ed i Pretenders della front- man Chris Hinde, che proprio il 30 marzo scroso erano tornati sulle scene con un nuovo lavoro dal titolo “Hate for Sale”. Inoltre, per incontro d’autore, era stata prevista la presenza dell’ex bassista dei Joy Division prima e dei New Order poi, Peter Hook.

Altre band degli anni ’80, contattate per l’evento, ma che per motivi diversi non erano riuscite a dare l’ok per Taranto: i Simple Minds (non si era riusciti ad incastrare una data nella tour “40 years of Hits”) ed i Cult, entrambi protagonisti di quella meravigliosa epopea di concerti che rese protagonista assoluta la città dei due mari dal 1982 al 1987 .

“In quegli anni l’asse Taranto-Bari funzionava alla grande per quanto riguarda eventi del genere. Eravamo asse portante del sud Italia ed i numeri che facevamo erano a livelli di Roma” – ha ricordato Cesare Veronico, il quale ha sparato altre bombe di mercato musicale ossia gli abboccamenti con i management di Sting, Neil Young, Talking Heads e Chemical Brothers.

Ma la deflagrazione mediatica più grossa ha riguardato una band storica, interplanetaria, ancora on stage nonostante i suoi componenti abbiano superato la settantina.

Un’idea utopica da realizzare prossimamente, un contatto embrionale ma in grado di lasciare aperto uno spiraglio per mettere a segno il colpo da novanta: i Rolling Stones sulla Rotonda del Lungomare. Si, state leggendo bene, proprio loro, la band capitanata da Mick Jagger, front man ancora in grado di essere un animale da palco.

Cesare Veronico nei suoi giri musicali newyorkesi ha agganciato la corista storica delle “Pietre Rotanti”, Lisa Fisher, che è stata ospite della Notte della Taranta nel 2016. Lei, in quell’occasione ha avuto un colpo di fulmine per la Puglia e sfruttando questa sua infatuazione, il direttore del Medimex ha fatto breccia nel suo cuore facendosi mettere in contatto con il manager personale di Mick Jagger, Domenic Faccini. “Mi avevano invitato per lo show dei Rolling Stones a Miami, lo scorso agosto. Avrei assistito al concerto sotto il palco e poi avrei incontrato il loro management nel backstage per abbozzare una trattativa. Purtroppo, com’è noto, un uragano abbattutosi in Florida in quel periodo fece saltare tutte le manifestazioni pubbliche”. L’appuntamento è sfumato ma il contatto resta….

Insomma grosse rivelazioni da parte del patron del Medimex che nel corso della diretta facebook, ha confermato di riservare a Taranto grande considerazione: “L’accoglienza di questa città nei confronti del Medimex è stata toccante. Posso dire che sin quando sarò io a curare la direzione artistica di questo festival, Taranto avrà sempre un posto in prima fila”.

*foto credit www.rockol.it

Condividi:
Share

Commenta

  • (non verrà pubblicata)