‘Moscati’, 68 pazienti in cura. Oggi ci sono stati due decessi

 

Nella giornata odierna sono stati dimessi due pazienti. Tra i degenti alcuni in attesa del primo tampone mentre altri del secondo
pubblicato il 09 Aprile 2020, 21:03
49 secs

L’ASL Taranto ha reso noto il bollettino giornaliero dell’ospedale Covid “San Giuseppe Moscati”. La struttura ospita, alle ore 19 di oggi 9 aprile 2020, 68 pazienti, così distribuiti: 3 presso il reparto di Rianimazione25 presso il reparto di Pneumologia31 presso il reparto Malattie Infettive9 presso il reparto di Medicina Covid.

Si tratta per la quasi totalità di pazienti Covid. Alcuni dei degenti sono in attesa di primo tampone, altri in attesa del secondo per la conferma. Nella giornata odierna si sono registrati due decessi.

Oggi sono stati dimessi due pazienti Covid, che risultano guariti. Entrambi erano ricoverati nel reparto Malattie Infettive.

Condividi:
Share
Gianmario Leone, nato a Taranto il 2/1/1981, laureato in Filosofia, docente di Storia e Filosofia, per 8 anni opinionista del quotidiano "TarantoOggi" nel settore, ambiente, politica, economia, cultura e sport, collaboratore e referente per la Puglia dal 2012 de "Il Manifesto" e del sito "Siderweb", collaboratore dal 2011 al 2015 del sito di informazione ambientale www.inchiostroverde.it. Ha collaborato nel corso degli anni anche con altre testate on line o periodici cartacei come 'Nota Bene' e 'LiberaMente' ed è un'opinionista di "Radio Onda Rossa" e "Radio Onda d'urto". Collabora con Radio Popolare Salento. Dal 2008 al 2012 ha lavorato per l'agenzia di stampa "Italiamedia". Ha contribuito alla realizzazione del lungometraggio 'Buongiorno Taranto' e al docufilm 'The italian dust'. Nel dicembre 2011 ha ottenuto il “Riconoscimento S.o.s. Taranto Chiama”, "per il suo impegno giornaliero d’indagine e approfondimento sui temi ambientali che riguardano la città". Nel febbraio del 2014 invece ha ottenuto il premio dei lettori nel "Premio Michele Frascaro, dedicato al giornalismo d’inchiesta", indetto dalle Manifatture Knos e patrocinato dall’Ordine Nazionale e Regionale dei Giornalisti , attribuito in base al voto on line, per la sua inchiesta sul progetto “Tempa Rossa” (Eni), che racchiudeva gli articoli scritti tra il 2011 e il 2012.

Commenta

  • (non verrà pubblicata)